facebook rss

Ventisettenne morto in mare,
il Consolato sta cercando la famiglia

FALCONARA - A effettuare il riconoscimento della salma del giovane etiope annegato a Palombina è stato un collega di università. Dimesso l'altro ragazzo
Print Friendly, PDF & Email

Le operazione di recupero del corpo

 

di Talita Frezzi

E’ morto annegato il giovane etiope di 27 anni sparito ieri pomeriggio tra le onde a largo di Palombina e ritrovato dopo tre ore di ricerche. Si era tuffato dagli scogli insieme a due conoscenti.

Il magistrato incaricato del caso ha deciso di non procedere con eventuali accertamenti necroscopici non essendo state ravvisate, fin dai primi istanti del ritrovamento, responsabilità di terzi per il suo decesso. Il ragazzo, secondo quanto ricostruito dai Carabinieri della Tenenza di Falconara che hanno in mano le indagini, si è tuffato ed è finito in una zona – quella vicina ai frangiflutti – dove spesso si formano depressioni di correnti tali da originare dei vortici anche profondi. La fatalità per il povero giovane è stata di finirci in mezzo e di venire risucchiato dalla corrente, incapace di riemergere e di mettersi in salvo.

Una disgrazia, come purtroppo altre si sono verificate in quel particolare tratto. La salma è stata trasferita all’obitorio dell’ospedale regionale di Torrette. Stamattina un collega di università, anche lui di origine etiope e già laureato in Economia che frequentava insieme alla vittima il dottorato ad Ancona, ha effettuato il riconoscimento. Pur essendo anche lui in Italia da due anni per frequentare il dottorato, entrambi dello stesso Paese d’origine e amici, non aveva mai avuto contatti con la famiglia della vittima. Pertanto, i carabinieri hanno interessato il Consolato d’Etiopia a Roma che sta cercando di rintracciare i genitori e i parenti dello sfortunato giovane. Non appena saranno informati della disgrazia, si deciderà se portare la salma al Paese d’origine o seppellirla in Italia. Intanto stamattina è stato dimesso l’altro ragazzo che insieme alla vittima si era tuffato e che era stato salvato e portato all’ospedale in stato di choc. Si conoscevano appena, ma questa avventura costata la vita al 27enne e quell’ultimo tuffo insieme, segneranno la sua memoria per sempre. 

Va a fare il bagno e non riemerge: 27enne muore in mare

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X