facebook rss

Crisi di governo, Gostoli (Pd):
«Prima il Paese e le Marche, poi il partito»

LE PAROLE del segretario regionale dei democrat sulla possibilità di un nuovo esecutivo con i 5 Stelle
giovedì 22 Agosto 2019 - Ore 17:50
Print Friendly, PDF & Email

Gostoli

 

«Prima di tutto il Paese e poi il partito». Sono le parole del segretario del Pd Marche, Giovanni Gostoli, sugli sviluppi della crisi di governo e della possibilità di un esecutivo di legislatura con i Cinquestelle. Secondo il leader dei dem marchigiani, «l’unità intorno al segretario Zingaretti è un bel segnale, così come la possibilità che nasca un governo di svolta, capace di aprire una fase nuova. Il governo gialloverde ha fallito e Salvini è scappato aprendo la crisi. Ora serve responsabilità, perché a pagare per i litigi, le promesse mancate e la crisi non siano i cittadini». Per il Pd marchigiano, l’eventuale esecutivo nazionale giallo-rosso dovrà «essere di svolta» e contenere nel programma «due grandi priorità: il lavoro e la rinascita dei territori colpiti dai terremoti del 2016 e 2017». «Bisogna sbloccare la ricostruzione – ha detto il segretario regionale Gostoli – perché negli ultimi 14 mesi il Centro Italia e le Marche in particolare sono stati abbandonati. Per accelerare la ricostruzione occorre semplificare e snellire la normativa nazionale, accogliendo le tante proposte della Regione Marche e dei sindaci del cratere. Quello di un governo con Cinquestelle, Leu e Pd è un tentativo giusto – ha concluso Gostoli – da fare alla luce del sole e non sotto banco, ma se non ci fossero le condizioni siamo pronti al voto e a unire le forze migliori per un’alternativa». Qualora dovesse nascere a livello nazionale un governo giallo-rosso, «valuteremo nella direzione regionale del Pd e con gli alleati la possibilità di aprire un dialogo con i Cinquestelle in vista delle Regionali 2020”. Dice il segretario dem marchigiano, Giovanni Gostoli, rispondendo all’apertura arrivata nei giorni scorsi da Giovanni Maggi, presidente del gruppo consiliare grillino alla Regione Marche. La novità per le Marche è che il M5S non vede più il Partito democratico come un avversario, ma come possibile interlocutore di governo». Ma per aprire un dialogo anche a livello regionale, secondo Gostoli, «è prematuro e si devono aspettare gli sviluppi nazionali, perché le decisioni all’interno dei Cinquestelle si prendono tutte a livello centrale. Certo è che qualora dovesse nascere un governo nazionale con il Pd e ci sia il via libera del Movimento  ci potrà essere una valutazione anche in seno ai nostri organismi dirigenti per aprire un dialogo nelle Marche».

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X