facebook rss

Capitano Ultimo ospite
del Festival del giornalismo d’inchiesta

OSIMO - Domani sera il colonnello Sergio De Caprio sarà protagonista con Vittorio Brumotti del primo appuntamento all'auditorium della sede della Lega del Filo d'Oro di Osimo
Print Friendly, PDF & Email

‘Capitano Ultimo’, il colonnello Sergio De Caprio

 

La legalità e la ricerca della verità sono i temi centrali per i quali è nato il Festival del giornalismo d’inchiesta. Per l’apertura di questa ottava edizione è stato scelto un personaggio simbolo di questa battaglia senza fine: Sergio De Caprio, conosciuto come il “Capitano Ultimo”, l’uomo che ha arrestato Riina e che per vent’anni ha fatto tremare i palazzi del potere. Fino a quando il potere si è vendicato. Il colonnello Sergio De Caprio, toscano di Montevarchi, da 26 anni ha sepolto il suo viso dietro un passamontagna per garantirsi l’invisibilità e poter fare i pedinamenti, condannandosi a una vita da braccato, a un’esistenza sempre in pericolo. Domani sera, sabato 21 settembre, alle ore 21.15 sarà all’uditorium della Lega del Filo d’Oro di Osimo (via Linguetta 3), protagonista del primo appuntamento del Festival organizzato dai circoli culturali JuTer e +76. Una testimonianza eccezionale. Osimo ospita il carabiniere più famoso d’Italia, strenuo difensore delle istituzioni, anche quando le istituzioni lo hanno abbandonato. “Ripercorreremo assieme gli anni dell’arresto di Riina, – annuncia una nota stampa ufficiale –  i successi e l’emarginazione di cui è stato vittima, fino alla mancata scorta e lo smembramento della sua straordinaria squadra. Con il Capitano ultimo ci sarà un amico del Festival, già protagonista di una serata indimenticabile a Filottrano, Vittorio Brumotti, campione di Bike trial, inviato sui generis di ‘Striscia la Notizia’ che da anni si occupa di stanare i traffici malavitosi di droga e non solo”. Coordinano l’incontro pubblico i giornalisti Patrizia Ginobili e Luca Falcetta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X