facebook rss

Gran finale per la mostra
‘L’arte creativa che sa appassionare’

FALCONARA - Il critico d'arte Giorgio Gregorio Grasso ha proposto di portare gli artisti marchigiani nei locali della Biennale di Venezia di cui è uno dei curatori
Print Friendly, PDF & Email

Nella foto (dietro la maestra Caterina Serpilli) da sinistra Antonella Ventura, il sindaco Stefania Signorini, Giorgio Gregorio Grasso, Sandro Carloni e Alberto Copparoni

 

È stato il noto critico d’arte Giorgio Gregorio Grasso a chiudere oggi, domenica 29 settembre, la mostra ‘L’arte creativa che sa appassionare. La costa marchigiana e il suo territorio nel contemporaneo’, allestita al Cart del Centro Pergoli di piazza Mazzini e inaugurata sabato 14 settembre dal sindaco di Falconara Stefania Signorini affiancata dal presidente del Consiglio regionale Antonio Mastrovincenzo. All’esposizione hanno partecipato 37 artisti marchigiani tra pittori, scultori, fotografi e disegnatori di moda: attraverso le loro opere i visitatori hanno potuto conoscere il territorio marchigiano. Oggi, per il finissage, il dottor Grasso ha parlato di ‘comunicazione attraverso l’arte contemporanea’ e ha lanciato l’idea di far esporre gli artisti marchigiani nei locali della Biennale di Venezia, di cui è uno dei curatori.

Il suo intervento è stato preceduto da quello della dottoressa Antonella Ventura, presidente dell’associazione ‘Arte per le Marche’, che ha parlato di ‘futurocontemporaneo’ e ha valorizzato le opere degli artisti marchigiani. I due momenti critici avevano lo scopo di ripercorrere le origini dell’arte contemporanea, fissarne le tappe importanti e immaginare il suo futuro. Il sindaco Stefania Signorini, che ha introdotto gli interventi di Ventura e Grasso, ha ribadito l’importanza dell’arte nella crescita dell’individuo e della civiltà e ha ringraziato gli organizzatori per aver scelto Falconara, “che con questa mostra si è trovata al centro dell’incontro tra gli artisti marchigiani”. Il pomeriggio è stato arricchito da intermezzi musicale di Caterina Serpilli, della scuola di musica Vincent Persichetti.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X