facebook rss

Quattro marchigiani in gara
alla ‘Dolomiti Rescue Race’

PIEVE DI CADORE - La squadra con rappresentanti provenienti da Ancona, Macerata, Montefortino e Pesaro ha partecipato stamattina alla gara internazionale riservata ai componenti del Soccorso alpino e speleologico in Italia e ai mountain rescue team europei
sabato 5 Ottobre 2019 - Ore 13:15
Print Friendly, PDF & Email

I soccorritori del Soccorso alpino e spelologico della Marche alla  Dolomiti Rescue Race

 

C’era anche una delegazione di soccorritori marchigiani a Pieve di Cadore per partecipare stamattina, 5 ottobre, alla nona edizione della Dolomiti Rescue Race, la gara internazionale riservata ai componenti del Soccorso alpino e speleologico in Italia – Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico e altri enti – e ai mountain rescue team europei. Sono state 65 le squadre che hanno preso parte alla gara con prove tecniche e di resistenza. All’evento, nato con lo scopo di incontrarsi, confrontarsi e stringere nuove amicizie in un contesto diverso da quello operativo e di intervento, hanno partecipato quest’anno, oltre a squadre provenienti da tutte le regioni italiane, anche soccorritori di Polonia, Scozia, Romania, Slovenia, Croazia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Serbia. Presenti anche le squadre del Soccorso alpino della Guardia di finanza e del Settimo e Ottavo Reggimento alpini.

Per la Regione Marche la squadra era composta da Carmelo Mustica della Stazione di Ancona, Claudio Senzacqua della Stazione di Macerata, da Michele Lorenzetti della Stazione di Pesaro Urbino e Paolo Papetti della Stazione di Montefortino i quali hanno onorato la scritta SASM piazzandosi in 35esima posizione La Dolomiti Rescue Race è una competizione tecnica per squadre di quattro elementi ognuna, equipaggiati con materiale specifico. La partenza della gara, avviene a Praciadelan di Calalzo di Cadore, gli atleti salgono ai Piani del Monte Antelao e a Forcella Piria, per proseguire in cresta, calarsi poi con le corde doppie, raggiungere la vallata, attrezzare la barella e con questa arrivare al traguardo in Piazza Tiziano a Pieve di Cadore. Il dislivello in salita è di 1.250 metri, in discesa di 1.440 metri per 15 chilometri di sviluppo. L’edizione di quest’anno è stata vinta dalle Fiamme Gialle di Predazzo.

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X