facebook rss

Il maltempo non frena
il Conero Wild Triathlon

SPORT - Dopo un percorso composto da 750 metri di nuoto, 12 chilometri di mountain bike e 5 di corsa sulla battigia della Baia, il vincitore è risultato Simoni Lunghi della Società Impossibile226 di Forlì
Print Friendly, PDF & Email

La fase del nuoto

 

La seconda edizione del Conero Wild Triathlon organizzato a Portonovo dalla società sportiva anconetana Conero Wellness si conferma un successo: nonostante la pioggia battente, che per tutta la mattinata di ieri ha messo alla prova atleti e organizzatori rendendo il percorso, già di per sé molto tecnico,  il “triathlon di Portonovo” ha lasciato anche quest’anno i partecipanti a bocca aperta. Numeri in aumento rispetto all’edizione 2018, con atleti provenienti dalle regioni limitrofe, ma anche da Lombardia, Veneto e Lazio, a conferma delle potenzialità di questo evento che nel 2020 potrebbe diventare ufficialmente una tappa del circuito nazionale promosso dalla Federazione Italiana Triathlon. Dopo un percorso composto da 750 metri di nuoto, 12 chilometri di mountain bike e 5 di corsa sulla battigia della Baia, il vincitore è Simoni Lunghi della Società Impossibile226 di Forlì, che ha completato la gara in un’ora, 9 minuti e 17 secondi. Con un ritardo di 3 minuti e 40 secondi, è arrivato il secondo classificato, Giorgio Lampa della Civitanova Triathlon. Terzo posto, con un tempo di 1:13:32, per Daniele Paolini della ASD Team Studio Moda. La Società Impossibile226 di Forlì trionfa anche nel ranking femminile, grazie all’atleta Milena Patrignani (completa il percorso in 1:42:01). Al secondo posto del podio femminile troviamo Daniela Ferri (1:48:02), seguita dall’atleta “di casa”, portacolori della Conero Wellness, Roberta Pelosi (1:52:09). L’assessore allo Sport del Comune di Ancona, Andrea Guidotti, a margine della gara ha commentato: «I miei complimenti a tutto lo staff della Conero Wellness che per il secondo anno consecutivo è riuscito ad organizzare una manifestazione fantastica, in una location che tutta Italia ci invidia. L’evento ha tutti i presupposti per continuare a crescere, speriamo nel 2020 di sfondare la quota di cento iscritti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X