facebook rss

Carabinieri eroi salvano un anziano
disperso nelle campagne

MORRO D'ALBA - I carabinieri della Compagnia di Jesi hanno ritrovato il pensionato originario di Falconara che era caduto in un fossato, restando incastrato nei rovi
Print Friendly, PDF & Email

I carabinieri di Jesi (foto di repertorio)

 

di Talita Frezzi

Sono state ore tremende per i familiari di un uomo di 73 anni originario di Falconara ed ospite della casa di riposo di Morro d’Alba, allontanatosi questa mattina e disperso nelle campagne. Lo hanno salvato dopo ore di ricerche i Carabinieri eroi della Compagnia di Jesi.
L’uomo, malato di Alzheimer e con difficoltà di deambulazione, in un attimo di non lucidità vedendo le porte della struttura aperte per il momento delle visite, ha pensato di uscire forse a passeggiare, ma non si è reso conto di essersi allontanato troppo e non è più riuscito a tornare indietro. Ha perso il senso dell’orientamento, dello spazio e la strada, continuando a vagare senza meta per le campagne tra Morro d’Alba e Jesi. Non aveva con sé un giubbino, era uscito solo con la felpa e un paio di pantaloni, digiuno dalla sera precedente. Quando dalla struttura se ne sono accorti hanno subito lanciato l’allarme ai Carabinieri e ai familiari, facendo scattare le ricerche. La figlia ha sporto denuncia di scomparsa presso la caserma Carabinieri di Morro d’Alba. Dal comando Compagnia di Jesi sono stati prontamente attivati tutti i militari disponibili delle Stazioni territoriali, che hanno perlustrato le campagne alla ricerca dell’anziano. Anche i familiari e gli amici si sono messi alla ricerca. Ore di grande apprensione per i familiari, che temevano il peggio con il calare della sera e il freddo. I militari hanno setacciato tutte le strade principali di collegamento con Morro d’Alba, i sentieri e le strade di campagna, i campi e i fossati, finché dopo ore di estenuanti ricerche, nel primo pomeriggio (verso le 16) i Carabinieri non sono riusciti a trovarlo, poco distante da Morro d’Alba. Era caduto in un fossato, restando avvinghiato tra i rovi. Era in stato confusionale, infreddolito e ferito. Non riusciva a uscire e se non fosse stato per i Carabinieri, la scomparsa si sarebbe potuta trasformare in tragedia. Invece i militari lo hanno liberato dalla morsa delle spine, attivando il 118 per trasportarlo all’ospedale Carlo Urbani di Jesi per le cure del caso. Lo hanno raggiunto i familiari, per riabbracciarlo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X