facebook rss

Dichiarava 15mila euro di reddito
ma aveva un immobile di 300mila euro:
pusher nel mirino della Finanza

ANCONA – Gli accertamenti di natura patrimoniale hanno fatto emergere che l’anconetano, negli anni dei fatti per i quali è stato condannato ha anche movimentato sui propri conti correnti circa 450mila euro
Print Friendly, PDF & Email

 

Dichiarava un reddito personale che non superava i 10-15mila euro l’anno, ma era riuscito ad acquistare beni immobili di valore. La Guardia di Finanza di Ancona – sotto la direzione ed il coordinamento della Procura Generale di Perugia – ha dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro finalizzato alla confisca nei confronti di un condannato per traffico di sostanze di stupefacenti, residente nella provincia di Ancona. In particolare si tratta di un personaggio già emerso in differenti indagini come particolarmente attivo nel traffico e spaccio di stupefacenti. Il sequestro, eseguito nei giorni scorsi, si riferisce a una condanna divenuta definitiva, emessa dalla Corte d’appello di Perugia – che si è pronunciata dopo un annullamento con rinvio della Suprema Corte di Cassazione – alla pena di 3 anni di reclusione per detenzione ai fini di spaccio di 2,5 chili di stupefacente tra cocaina e hashish. Dall’indagine della Guardia di Finanza è emerso inoltre il profilo particolarmente spregiudicato dell’anconetano che era arrivato a pagare 500 euro al mese un pensionato marchigiano per farsi custodire nel suo terreno la droga da immettere nel mercato illecito, sperando così di non destare i sospetti degli investigatori.

Nel caso in esame gli accertamenti di natura patrimoniale hanno fatto emergere che il condannato – negli anni riferibili ai fatti-reato di cui la sentenza di condanna – ha movimentato sui propri conti correnti circa 450mila euro, utilizzati anche per l’acquisto di un immobile del valore di oltre 300mila euro, a fronte di un reddito dichiarato da lavoro dipendente che oscillava tra i 10 e i 15mila euro annui.
La misura cautelare eseguita è l’epilogo di una complessa attività investigativa eseguita dai militari del G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria del capoluogo marchigiano insieme all’aliquota della Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Perugia che fa parte dell’ U.Ge.C.O. (Ufficio Gestione Coordinamento e Organizzazione), coordinati dal Sostituto Procuratore Generale, Dario Razzi. In particolare i militari dell’U.Ge.C.O. eseguono, sin dalla costituzione del “Gruppo di lavoro” in seno alla Procura Generale di Perugia, un minuzioso screening delle sentenze (passate in giudicato) emesse dalla Corte d’appello di Perugia e verificano se i condannati abbiano acquisito beni patrimoniali di cui non possono giustificare la provenienza e/o di valore sproporzionato rispetto al proprio reddito, come prescrive la norma in questione

Lo scompenso tra il valore dei beni entrati nella disponibilità del condannato e il reddito dichiarato ha permesso di documentare il requisito della sproporzione fondamentale per l’applicazione della confisca prevista dall’articolo 240 bis del Codice penale In base agli elementi raccolti di natura economico patrimoniale la Sezione Penale della Corte di Appello di Perugia – condividendo totalmente l’impianto accusatorio della Procura Generale – ha disposto il provvedimento di sequestro finalizzato alla confisca dell’intero patrimonio immobiliare, costituito da una villetta che l’uomo aveva acquistato nella provincia di Ancona, con proventi che si ritengono illecitamente accumulati grazie al traffico di sostanze stupefacenti. A carico del condannato c’è ora l’onere di dimostrare la legittima provenienza dell’origine della accumulazione patrimoniale, diversamente i beni verranno assegnati all’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata per il loro reimpiego in finalità istituzionali e di utilità sociale. L’operazione, al pari di quelle già condotte con medesimi risultati nel periodo precedente, dimostra la volontà di aggressione dei beni o di altre utilità nella disponibilità dei condannati portata avanti dalla Procura Generale di Perugia anche grazie al fondamentale supporto della Guardia di Finanza che ha consentito di massimizzare i risultati di questo Ufficio nella lotta all’illecito accumulo di capitali attraverso differenti forme di criminalità, tra cui appunto, lo spaccio di ingenti quantitativi di stupefacenti.

(Servizio in aggiornamento)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X