facebook rss

A14, Autostrade accelera:
«Pronti i progetti per i guardrail,
lavori in notturna»(VIDEO)

TRASPORTI - Al convegno di Confartigianato oggi a Civitanova il dirigente Aspi Marco Perna apre uno spiraglio per la soluzione dei disagi sul tratto viario marchigiano. Il sottosegretario M5s Roberto Traversi: «Pronti anche a nominare un commissario se necessario»
Print Friendly, PDF & Email
Il convegno al Cosmopolitan di Civitanova

 

di Gabriele Censi

Blocco sull’autostrada A14 da Porto Sant’Elpidio a Pescara, arrivano spiragli per una soluzione dal responsabile del tronco Cattolica-Poggio Imperiale, Marco Perna di Aspi (Autostrade per l’Italia), presente al convegno sull’autotrasporto di stamattina organizzato da Confartigianato. 

Marco Perna

A Civitanova il dirigente ha annunciato di avere tutti i progetti definitivi pronti e alcuni già esecutivi con l’individuazione della ditta Pavimental. «Attendiamo le risposte del ministero e lo sblocco del sequestro per aprire i cantieri che con lavori notturni e uso delle corsie di emergenze non comporteranno problemi alla circolazione e i disagi saranno comunque minimi rispetto alla odierna situazione».

Roberto Traversi

Il dirigente della società Autostrade ha precisato anche che il tratto oggetto del sequestro della magistratura, che ha bloccato da nord a sud la regione, non ha problemi strutturali ma riguarda solo la messa a norma dei guardrail: «Ci siamo attivati subito anche con il supporto indispensabile della Polizia Stradale come avevamo fatto lo scorso anno in occasione dell’incendio nella galleria a Grottammare, in sette giorni avevamo riaperto una corsia. Le criticità ci sono state in alcuni giorni particolari, con un afflusso di 90mila veicoli a fronte di una media di 30 mila al giorno, compresi i mezzi pesanti che sono un terzo del traffico. Per il futuro sono sei le gallerie nel tratto marchigiano che saranno adeguate al decreto 264 per migliorare la sicurezza, in questo caso si tratta di intervento strutturale sulla pavimentazione».

Angelo Sciapichetti

Ai rappresentanti di Confartigianato si è aggiunto l’assessore Angelo Sciapichetti nel chiedere una soluzione urgente che liberi il traffico commerciale e anche quello turistico. Il sottosegretario Roberto Traversi del  Movimento 5 Stelle (presenti anche i parlamentari locali Giorgio Fede e Mirella Emiliozzi) ha accolto la disponibilità della concessionaria: «Siamo contenti quando l’interlocutore si presenta pubblicamente a dare conto del proprio operato, venendo da Genova sono particolarmente sensibile al tema e avevo anche prospettato la nomina di un commissario straordinario come per il ponte Morandi ma spero che nel rispetto dell’autonomia dei magistrati si riesca a sbloccare la situazione in tempi brevi»

Amedeo Genedani

Il convegno di Confartigianato Confartigianato Imprese Macerata-Ascoli-Fermo, che non poteva non affrontare il tema caldo del blocco in A14, aveva come tema la “legge di Bilancio 2020 e nuove prospettive di sviluppo”. All’Hotel Cosmopolitan di Civitanova, in collaborazione con Confartigianato Trasporti, Transport Service e Uni.Co., si è fatto il punto  su diverse questioni molto importanti per la categoria, come il tema della sostenibilità, la concorrenza, le nuove tecnologie e le recenti normative per il trasporto merci.

Emanuele Pepa

Il presidente nazionale di Confartigianato Trasporti, Amedeo Genedani, ha elogiato il rapporto con l’ex ministro Danilo Toninelli auspicando una continuità negli accordi raggiunti: «Entro un mese sapremo se il Governo manterrà i patti per cui abbiamo sospeso il fermo». Le norme europeee sono state il tema della relazione molto esaustiva e proiettata al futuro del segretario generale Uetr (Associazione Europea delle Imprese dell’Autotrasporto), Marco Digioia: «Nel 2040 i camion saranno guidati da robot, dobbiamo preparci ad un cambiamento totale della professione».  Il presidente Confartigianato Trasporti Macerata-Ascoli-Fermo, Emanuele Pepa ha riportato le preoccupazione che arrivano dalla base: «Sentiamo molto il problema delle infrastrutture, la statale 76, il porto, l’uscita di Civitanova ad esempio, per il settore invece c’è il problema dei costi minimi, la certezza dei pagamenti e la mancanza di operatori».

Giornate di fuoco in A14, chiesto il dissequestro dei viadotti Carloni: «No allo slittamento dei lavori»

</

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X