facebook rss

Maxi controlli sul litorale,
un arresto e due espulsioni

BLITZ - A Palombina rintracciato un 37enne marocchino evaso dal carcere di Modena, al Mandracchio scovati due tunisini irregolari
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

Maxi battuta dei carabinieri della Tenenza nel weekend appena trascorso: identificati oltre 30 cittadini stranieri e arrestati un 37enne marocchino evaso dal carcere di Modena e 33enne tunisino, con precedenti di giustizia, sul quale pendeva ordine perentorio di espulsione dallo stato emesso dal giudice. Espulso anche un ulteriore cittadino tunisino clandestino e pregiudicato di anni 46.
Lo scorso sabato, a Palombina, è stato rintracciato un 37enne marocchino evaso dal carcere di Modena il 13 maggio scorso, al termine della fruizione di un permesso premio di 6 ore, dopo che aveva espiato appena un anno di detenzione per rapina e spaccio di sostanze stupefacenti: per lui le porte del carcere si sono riaperte a Montacuto, per una pena residua da scontare pari ad 1 anno e 7 mesi.  Il giorno seguente, all’alba, i militari di Falconara si sono spinti fino al Mandracchio dove, all’interno di un locale adibito al rimessaggio delle reti da pesca, sono stati sorpresi 4 cittadini nordafricani, tra cui 2 soggetti di 46 e 33 anni – pieni di precedenti afferenti il traffico di sostanze stupefacenti e reati vari contro la persona – entrambi irregolari sul territorio nazionale e destinatari del provvedimento di espulsione. Più specificatamente, al più giovane dei due era stata comminata dal giudice la misura di sicurezza dell’espulsione dallo Stato, misura alla quale lo stesso si era sottratto; il 46enne invece sarà espulso perché già irregolare da alcuni mesi e con la fedina penale compromessa. Al termine del rito direttissimo di questa mattina a carico del 33enne, entrambi i cittadini sono partiti alla volta del Centro di Rimpatrio di Potenza Palazzo San Gervasio, dove nei prossimi giorni saranno radunati a bordo di un volo charter per l’espulsione definitiva dal territorio nazionale ed il contestuale rientro in Tunisia.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X