facebook rss

Gli auguri del sindaco Mancinelli:
«Un anno pieno di orgoglio
Nel 2020 più sicurezza e lavoro»

ANCONA - In un video diffuso su Facebook, il primo cittadino stila un breve bilancio del 2019 e accenna i progetti per il nuovo anno
Print Friendly, PDF & Email

 

«E’ stato un anno pieno di orgoglio. Ancona sul tetto del mondo. Grande soddisfazione essere nominato il miglior sindaco del mondo, ma è stato frutto di una comunità intera che si è rimessa in cammino e ha riconquistato fiducia in se stessa». Inizia così il discorso di Valeria Mancinelli pronunciato per gli auguri di Natale e registrato in un video diffuso su Facebook. Il primo cittadino ha stilato un bilancio dell’anno che sta per finire e ha annunciato l’impegno dell’Amministrazione per il 2020: dalla mobilità sostenibile, all’utilizzo dei fondi per il bando periferie, passando per la manutenzione delle scuole. Un accenno anche all’inchiesta corruzione che ha portato in arresto il geometra comunale Simone Bonci. «Ci sono stati anche momenti difficili. E’ stato un anno di grande rabbia per gli episodi che sono stati agli onori della cronaca e su cui la magistratura farà la chiarezza necessaria. Ma neanche questi episodi possono scalfire l’orgoglio per il lavoro fatto in questi anni». Il riferiento è andato ai laghetti del Passetto, alla piazza delle Palombare, al restyling delle scuole Mercatini e alle asfaltature che hanno interessato varie zone della città. Per il sindaco «Sono fatti concreti che dicono che Ancona continua a cambiare. Nel 2020 apriranno i cantieri per i progetti del bando periferie, per illuminazione del fronte porto, per la manutenzione delle scuole e delle strade e su altri edifici pubblici. Sarà anche l’anno di più sicurezza, di più telecamere  e più  vigili urbani del quartiere; sarà l’anno del trasporto pubblico elettrico: faremo la metropolitana di superficie. Anche il 2020 saremo vicini al lavoro per supportare lo sviluppo economico, facendo sì che Ancona attragga investimenti e dunque lavoro. Il lavoro tiene insieme tutto».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X