facebook rss

School Party alcolico,
cinque ragazzini portati in ospedale

MONSANO - Quattro minorenni e un 18enne sono stati trasportati al 'Carlo Urabni' in coma etilico per i postumi di una serata ad alta gradazione alcolica
Print Friendly, PDF & Email

Le ambulanze nel piazzale della discoteca Miami

 

di Talita Frezzi

Iniziano la serata bevendo e la finiscono al pronto soccorso. Ecco come è degenerata la festa per cinque ragazzini – quattro ragazze di 15 e 16 anni e un ragazzo di 18 – nella nottata tra domenica e lunedì alla discoteca Miami di Monsano. Il noto locale ospitava lo School party con 700 giovanissimi avventori, studenti delle scuole superiori jesine. Una festa no alcol per salutare l’arrivo del Natale. E non potendo bere all’interno, c’è chi ha pensato di fare il pieno fuori, nel parcheggio. Perché purtroppo adesso funziona così: si beve nelle macchine, al parcheggio, per entrare in discoteca un po’ allegri e lasciare il tempo all’alcol di entrare in circolo con tutte le conseguenze dello sballo e del malessere che si trascina dietro. E come ogni weekend, anche lo scorso fine settimana gruppi di minorenni tracannavano da bottigliette di acqua minerale riempite di superalcolici comprati in qualche supermercato. E giù, fino a perdere il controllo. Poco prima di mezzanotte, a inizio serata, in cinque si sono sentiti male accusando tutti i sintomi dell’intossicazione da alcol, tra vomito e perdita di coscienza. E’ scattato l’allarme al 118 alla discoteca di Monsano sono intervenuti i sanitari dell’automedica del 118 di Jesi con le ambulanze della Croce verde di Jesi, della Croce gialla di Chiaravalle, della Blu pubblica assistenza di Ancona-Falconara e dell’Avis pubblica assistenza di Montemarciano. Sul posto anche due pattuglie dei Carabinieri della Compagnia di Jesi. In tutto sette ragazzi sono stati soccorsi dai sanitari, cinque (di cui quattro ragazzine di età compresa tra i 15 e i 16 anni più un ragazzo di 18 anni) sono stati accompagnati in ambulanza al pronto soccorso dell’ospedale “Carlo Urbani” di Jesi in coma etilico e tutti con codici gialli di media gravità. Altre due ragazze, sempre di 16 anni, sono state invece raggiunte dai rispettivi genitori e accompagnate a casa quando hanno iniziato a stare male. «Sono stato subito informato di quanto stava accadendo – spiegano dalla direzione artistica – purtroppo per noi è molto difficile tenere sotto controllo quanto accade fuori, nel parcheggio o addirittura nelle strade limitrofe. I ragazzi soccorsi stanotte sono arrivati già ubriachi, tant’è che all’interno della discoteca essendo una festa studentesca c’erano direttive di non servire alcolici essendo minorenni per la stragrande maggioranza dei casi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X