facebook rss

Caso sospetto di meningite:
insegnante ricoverata,
scolari e famiglie sotto profilassi

SENIGALLIA - La paziente, che insegna in una scuola primaria della città, è stata trasferita nel reparto di Malattie infettive dell'ospedale di Fermo per essere sottoposta alla terapia antibiotica
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Un caso sospetto di meningite meningococcica è stato diagnosticato al pronto soccorso dell’ospedale di Senigallia. La paziente, un’insegnante 50enne di una scuola primaria della città, è stata trasferita immediatamente nel reparto di Malattie infettive dell’ospedale di Fermo per essere sottoposta alle cure del caso. Nel rispetto delle misure di prevenzione suggerite dal ministero della Salute nella gestione delle meningiti batteriche, riporta l’agenzia Ansa, una novantina di persone è stata subito sottoposta a terapia antibiotica. Si tratta di adulti e bambini, gli studenti, i loro famigliari e il personale scolastico, che sono entrati a diretto e stretto contatto con la donna. Tutti i medici di medicina generale e i pediatri della zona sono stati inoltre informati della situazione. La meningite meningococcica è una malattia batterica acuta, caratterizzata da un periodo di incubazione di 1-10 giorni. I primi sintomi della malattia sono abbastanza generici: malessere generalizzato, febbre. In seguito possono comparire vomito, rigidità della nuca, forti mal di testa, fotofobia, torpore, stato confusionale, dolori articolari. Il contagio delle meningiti batteriche si diffonde per via aerea. Per questo motivo, entro 24 ore dalla diagnosi del caso, tutti coloro che potenzialmente sono venuti a contatto con il paziente devono sottoporsi a profilassi con antibiotici. Qualche settimana fa era stato segnalato un altro caso di meningite batterica sempre isolato su una senigalliese di 73 anni.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page