facebook rss

I carabinieri suonano alla porta,
lui getta la droga dalla finestra: arrestato

ANCONA - Durante la perquisizione domiciliare il 19enne si è disfatto dello stupefacente che è stato recuperato da altri militari rimasti all'esterno dello stabile. Sequestrati 24 grammi di hashish, telefonini e denaro in contante
Print Friendly, PDF & Email

Droga, denaro in contante e cellulari sequestrati dai carabinieri a casa del 19enne

 

I carabinieri suonano alla porta di casa per un controllo, lui getta la droga dalla finestra e finisce in manette.

Stamattina, i carabinieri della Compagnia di Ancona nel corso di uno specifico servizio di contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, attuato dalla Stazione di Collemarino e dalla Sezione Operativa del Norm, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, un giovane anconetano trovato in possesso di 24,5 grammi di hashish. I militari hanno bussato insistentemente alla porta dell’abitazione del 19enne di Ancona per eseguire una mirata perquisizione domiciliare e lui ha iniziato a lanciare oggetti dalla finestra della sua abitazione. Il giovane non era a conoscenza che i carabinieri, prima di bussare alla porta, hanno provveduto a posizionare altri militari lungo il perimetro esterno dello stabile in corrispondenza della sua abitazione, pertanto gli oggetti sono stati prontamente recuperati.

Si tratta di un bilancino di precisione di colore grigio e un pacchetto di sigarette al cui interno era occultato “hashish” dal peso di circa 15 grammi. Nel corso delle operazioni i militari hanno rinvenuto nella stanza da letto del 19enne, ed in particolare sulla mensola di una libreria, altri 32 dosi di hashish il cui peso complessivo era di circa 9 grammi. Inoltre, nelle immediate vicinanze dello stupefacente c’era anche del denaro contante, suddiviso in banconote di vario taglio, per un importo complessivo di 145 euro, considerato probabile provento dell’attività di spaccio. All’interno della libreria invece è stato rinvenuto materiale vario (cellophane trasparente) per il confezionamento della sostanza stupefacente, un’agenda con all’interno degli appunti riconducibili alla contabilità delle cessioni di hashish; un coltello da cucina intriso di stupefacente; un gringer metallico con all’interno tracce di marijuana e tre telefoni cellulari. Quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro penale e il giovane anconetano è stato arrestato in flagranza per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il giovane, espletate le formalità di rito, su disposizione della Procura è stato posto in regime di arresti domiciliari presso la sua abitazione in attesa del giudizio con rito direttissimo previsto per lunedì prossimo.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page