facebook rss

Ladri a scuola, rubato
televisore acquistato dai genitori

CASTELFIDARDO – Ennesimo ‘colpo’ alla Primaria della frazione di Crocette. Chiesta l’installazione di sistemi anti-intrusione. L'assessore Pelati: «Il gesto desta incredulità e sconcerto»
Print Friendly, PDF & Email

 

Nello scorso fine settimana, «per la terza volta in un paio d’anni, il plesso scolastico delle Elementari di Crocette è stato preso di mira da ladruncoli da strapazzo arrecando più danni che valore della refurtiva asportata. Nell’ultimo colpo ladresco hanno scassinato la macchinetta del caffè per qualche euro, ma più grave hanno asportato un Tv acquistato venerdì scorso dai genitori di una classe per migliorare i mezzi di apprendimento dei ragazzi». L’amarezza per l’ennesimo ‘colpo’ messo a segno nella scuola primaria di Castelfidardo è stata raccontata sui social media da un rappresentante fidardense dell’Associazione Nazionale Carabinieri. Dopo un veloce inventario svolto ieri dal personale della scuola è emerso che forse gli autori del furto sarebbero riusciti a portarsi via anche due pc portatili prelevati tra le apparecchiature multimediali. La scuola non è sorvegliata da telecamere o allarmi e l’area è poco illuminata. Al Comune, proprietario dell’immobile, è stato chiesto di predisporre sistemi di sicurezza passiva soprattutto sull’ingresso che si trova sul retro,  vicino al parcheggio riservato al personale scolastico.

L’amministrazione comunale «sta valutando e cercando di capirne la dinamica del furto con l’aiuto delle forze dell’ordine. – spiega l’assessore Ilenia Pelati – Sono dell’avviso che tutti i plessi, a maggior ragione quelli con materiali formativi di un certo livello, andrebbero maggiormente sorvegliati ed arrivare a capirne quale la metodologia migliore, sarebbe già un buon risultato. In questo specifico caso, l’ammontare del furto risulta essere veramente banale, tuttavia, è il gesto in sé, quello di una violazione della realtà scolastica, a destare incredulità e sconcerto, per lo più quando il ‘bottino’, ha poco valore monetario ma molto per formazione, pervenuto, tra l’altro, grazie a donazioni».

(ultimo aggiornamento alle ore 11.28)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X