facebook rss

Il sindaco di Spalato
ricevuto dalla Mancinelli

ANCONA - I due primi cittadini si sono confrontati sulle risorse e sulle prospettive comuni, principalmente legate all'attività del porto e dei collegamenti marittimi
Print Friendly, PDF & Email

I due sindaci

 

Questa mattina il sindaco Valeria Mancinelli ha ricevuto la visita del sindaco di Spalato, Andro Krstulovic Opara, accompagnato dal responsabile delle Relazioni internazionale e dell’Ufficio di Gabinetto, Nikola Aleksic. Un incontro estremamente gradito, dato il forte e antico legame che unisce le due città affacciate sull’Adriatico, sancito dal gemellaggio che le lega dal 15 luglio 1970 (firmatari i sindaco Trifogli e Milcic). E’ da Ancona, peraltro, che è scaturita l’omonima carta attraverso la quale- dopo la drammatica guerra nei Balcani- i paesi delle due coste si sono impegnati a favorire azioni di pace e mutua cooperazione. Un documento che sancisce i principi e gli obiettivi del Forum delle Città dell’Adriatico e dello Ionio, istituzione che ha contribuito a rinsaldare il legame tra i due centri, che vantano un ruolo strategico al centro dell’Adriatico. Nel riconfermare il vincolo di amicizia, i due sindaci si sono confrontati sulle risorse e sulle prospettive comuni, principalmente legate all’attività del porto e dei collegamenti marittimi e non solo, senza nascondere le criticità esistenti relative a costi, frequenze e orari dei traghetti, riproponendosi di approfondire la materia nel confronto con gli operatori economici. Al termine dell’incontro, il tradizionale scambio di doni di libri e oggetti legati a cultura e artigianato locali e l’invito del sindaco di Spalato alla sindaca di Ancona di partecipare alla festa del patrono di Spalato, San Doimo, che cade il 7 maggio. Prima di proseguire verso la Regione Marche, dove era atteso per un altro incontro, il sindaco Opara ha espresso il desiderio di salutare i consiglieri comunali, riuniti in seduta nella sala adiacente, ribadendo l’amicizia e l’ auspicio di un incremento degli scambi e della reciproca conoscenza tra le due comunità con il coinvolgimento delle giovani generazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X