facebook rss

Sul treno con la marijuana
e un bilancino di precisione:
denunciata 19enne

GLI AGENTI della Polfer di Fabriano hanno denunciato la ragazza, appena scesa da un Regionale, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Ad Ancona multato un 68enne ubriaco che disturbava i passeggeri del Freccia bianca
Print Friendly, PDF & Email

La polizia ferroviaria (foto di archivio)

 

Sono state 1897 le persone identificate nel corso dei controlli svolti nell’ultima settimana dagli agenti del Compartimento Polizia Ferroviaria per le Marche, l’Umbria e l’Abruzzo. Il bilancio dell’attività parla anche di un arresto e 5 denunce, di 306 servizi di vigilanza nelle stazioni ferroviarie e di scorta a bordo di treni viaggiatori, di 175 convogli scortati e di 8 contravvenzioni elevate. In particolare la PolFer di Ancona è intervenuta su richiesta del capo treno della Freccia bianca proveniente da Venezia per un viaggiatore privo di biglietto e che in preda ai fumi dell’alcool, disturbava gli altri viaggiatori. L’uomo, un 68enne italiano, è stato fatto scendere dagli agenti nella stazione di Ancona e, dopo le cure del caso poste in essere da personale del 118 opportunamente chiamato, è stato sanzionato in via amministrativa per il reato di ubriachezza molesta. Personale della Polizia Ferroviaria di Fabriano ha invece denunciato in stato di libertà una 19enne albanese per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. La ragazza controllata dagli agenti dopo essere scesa da un treno regionale proveniente da Ancona, è stata trovata in possesso di 62 grammi di marijuana e di un bilancino di precisione.

Gli agenti del Settore Operativo Polizia Ferroviaria di Ancona, sono poi intervenuti in collaborazione con i colleghi del Commissariato di P.S. di Fano, a seguito dell’investimento mortale di una persona avvenuto nella stazione ferroviaria di Fano da parte di un treno merci proveniente da Taranto e diretto a Milano. La PolFer di Pescara ha tratto in arresto un 35enne di nazionalità albanese che ha violato il divieto di reingresso sul territorio Italiano emesso dal Tribunale di Ancona, in sostituzione ad una condanna ad un anno e sei mesi di reclusione. Dopo la convalida dell’arresto l’uomo è stato condotto in carcere per scontare la condanna. La Polfer di Foligno, infine, ha denunciato un 47enne italiano per minaccia e oltraggio a Pubblico Ufficiale poiché, sorpreso senza il biglietto dal capo treno del regionale Roma – Foligno, lo ha minacciato ed insultato durante la verbalizzazione. Identificato dagli agenti, oltre a dover pagare la sanzione prevista per l’irregolarità di viaggio, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per i reati commessi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X