facebook rss

Ragazzini sorpresi
nell’edificio fatiscente ex Asur

FALCONARA - I dieci adolescenti, tutti tra i 14 e i 16 anni, sono stati traditi dall’uso di torce: la luce filtrava dalle vetrate e un residente ha telefonato alla Polizia locale. La Cri, proprietaria del complesso, dovrà di nuovo sigillare gli accessi
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Si aggiravano all’interno degli ex ambulatori Asur di via Pergoli armati di torce, nonostante l’accesso agli edifici sia interdetto da anni per motivi di sicurezza. Sono stati scoperti e allontanati dalla polizia locale di Falconara 10 adolescenti falconaresi, tutti tra i 14 e i 16 anni. La comitiva, otto ragazzi e due ragazze, è stata notata da un residente attorno alle 18.30 di giovedì scorso: l’uomo si è allarmato quando ha visto la luce delle torce filtrare attraverso le vetrate di uno degli immobili. E’ scattata quindi la chiamata agli agenti di polizia locale, che in pochi minuti hanno raggiunto il vecchio complesso sanitario e hanno trovato ancora all’interno i 10 ragazzi. I giovani hanno tentato di scappare, ma sono stati identificati: vivono a Falconara e provengono da diversi quartieri.

Gli uomini del Comando falconarese hanno spiegato loro che gli edifici non sono sicuri e che entrando hanno violato una proprietà privata. Stando a quanto hanno ricostruito gli agenti, i ragazzi sono passati dal cancello di via del Preventorio e si sono introdotti negli immobili fatiscenti. L’episodio è stato segnalato agli uffici comunali competenti, che hanno contattato la delegazione di Ancona della Croce Rossa Italiana. La proprietà del complesso è infatti della Cri, che è stata nuovamente sollecitata a sigillare gli accessi per evitare intrusioni. Già nel novembre scorso il sindaco Stefania Signorini e l’assessore all’Urbanistica Clemente Rossi, insieme ai tecnici comunali, avevano fatto un sopralluogo in via Pergoli con due rappresentanti del dipartimento patrimoniale della Croce Rossa Italiana: era stata presa visione della pericolosità degli immobili, che avevano vetrate rotte e da cui si distaccavano parti di intonaco. Erano stati sollecitati la messa in sicurezza degli edifici e il taglio degli alberi nel grande parco circostante, per evitare che i rami potessero cadere sulla strada.

Già negli scorsi anni la polizia locale era intervenuta nel complesso di via Pergoli perché ignoti, dopo essersi introdotti in uno degli edifici, avevano appiccato un piccolo incendio. Gli agenti, di pattuglia lungo la strada, avevano notato il fumo uscire da una finestra e avevano subito chiesto l’intervento dei vigili del fuoco.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page