facebook rss

Inseguimento sulla Flaminia,
automobilisti in aiuto degli agenti
per bloccare il fuggitivo

FALCONARA - Protagonista, un ragazzo straniero che si era accampato in un bagno pubblico della spiaggia. E' riuscito a far perdere le sue tracce
Print Friendly, PDF & Email

Il bagno occupato

Si era accampato dentro il bagno pubblico della spiaggia di Palombina Vecchia, a pochi passi dal sottopasso. Quando questa mattina gli agenti della polizia locale lo hanno trovato, il giovane –  all’apparenza un ventenne di origine africana – è scappato scalzo ed è stato inseguito a piedi per oltre un chilometro dagli operatori del Comando cittadino. Una fuga da film fino all’ufficio postale di Palombina Nuova: lungo il tragitto alcuni automobilisti si sono fermati e hanno cercato di bloccare il fuggitivo, mentre un paio di ciclisti hanno indicato agli agenti in che direzione fosse andato. Alla fine il giovane ha scavalcato la recinzione ferroviaria ed è tornato in spiaggia. Gli operatori della polizia locale hanno chiesto rinforzi ai colleghi di Ancona, ma il ragazzo era ormai riuscito a far perdere le proprie tracce. L’intervento ha comunque permesso di ripulire il bagno pubblico, che il giovane aveva trasformato in un accampamento, dove un materasso, coperte e indumenti erano ammassati accanto a resti di cibo e deiezioni. L’operazione della polizia locale aveva preso avvio attorno alle 8 di oggi grazie alla chiamata di un cittadino, che segnalava la presenza di una persona all’interno del manufatto. Quando gli agenti sono arrivati, la porta del bagno era sbarrata dall’interno ed era stata rimossa la maniglia all’esterno. E’ stato necessario chiamare gli operai comunali, che grazie alla chiave sono riusciti ad aprire. All’interno c’era il giovane, in pantaloncini e t-shirt, coperto dal piumone, con accanto una bicicletta in buone condizioni. Il giovane è scappato subito, imboccando inizialmente le strade interne di Palombina Vecchia, per poi scappare lungo la Flaminia. Sono in corso accertamenti della polizia locale per capire se la bici fosse rubata ed eventualmente per rintracciare il proprietario. Gli agenti hanno chiamato gli addetti di Marche Multiservizi, che in breve tempo hanno ripulito il bagno e portato via gli oggetti che vi erano rimasti.

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page