facebook rss

L’arcivescovo Spina
in preghiera al cimitero di Ancona
per i morti da Coronavirus

EMERGENZA - Ieri pomeriggio, il momento di raccoglimento davanti ai cancelli di Vallemiano
Print Friendly, PDF & Email

 

L’arcivescovo Angelo Spina, venerdì pomeriggio, si è recato al cimitero di Ancona per un momento di raccoglimento, di preghiera e benedizione di tutti i defunti. Una visita come segno di suffragio e di consolazione, in particolare per i defunti per i quali in queste settimane non è stato possibile celebrare le esequie e per tutti i malati di Coronavirus deceduti senza il conforto degli affetti più cari. Davanti al cancello del cimitero, vista l’ordinanza della chiusura, sotto la pioggia battente, l’arcivescovo ha voluto rendersi presente in tutti i cimiteri della arcidiocesi per affidare alla misericordia del Padre tutti i defunti. Non potendoci essere le esequie solenni, i sacerdoti nella messa celebrata senza popolo li ricordano tutti, ogni giorno, in attesa di celebrazioni a cui i familiari potranno partecipare. Per il rispetto delle misure sanitarie, tanti di questi defunti sono morti isolati, senza alcun conforto, né quello degli affetti più cari, né quello assicurato dai sacramenti.

L’Arcivescovo dopo aver sostato a lungo in silenzio ha rivolto al Signore questa preghiera:

Dio onnipotente,
che con la morte in croce del tuo Figlio Gesù Cristo
hai distrutto la nostra morte,
con il suo riposo nel sepolcro
hai santificato le tombe dei fedeli
e con la sua gloriosa risurrezione
ci hai ridato mirabilmente la vita immortale,
accogli le nostre preghiere
per coloro che, morti e sepolti in Cristo,
attendono la beata speranza della risurrezione.
Dio dei vivi e dei morti,
concedi a coloro che ti hanno servito fedelmente sulla terra
di lodarti senza fine nella beatitudine del cielo.
Per Cristo nostro Signore. Amen.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X