facebook rss

Forza Italia: «Nessun pagamento
per usufruire delle spiagge libere»

ANCONA - Dai Prà e Mariotti: «Devono rimanere fruibili e gratuite. Ogni arbitrario divieto o la richiesta di somme di denaro per l'accesso al mare rappresenterebbero a tutti gli effetti un abuso»
Print Friendly, PDF & Email

La spiaggia libera tra Torrette Palombina

 

«Forza Italia Ancona è totalmente contraria alla proposta avanzata dai Verdi di tassare “lo spazio ombrellone” nelle spiagge libere. L’arenile presente nel comune di Ancona, che si estende da Torrette a Palombina, è costituito anche da spiagge libere che devono rimanere fruibili e gratuite. Ogni arbitrario divieto o la richiesta di somme di denaro per l’accesso al mare rappresenterebbero a tutti gli effetti un abuso».  Così Teresa Stefania Dai Prà, commissario comunale di Forza Italia e Luca Mariotti, vice commissario, sulla proposta dei Verdi di far pagare 2 euro per lo “spazio ombrellone” nelle spiagge libere. Al momento, il Comune di Ancona, non ha predisposto piani per la gestione del litorale. «Dobbiamo valutare sia l’aspetto etico che quello economico di questa proposta che di fatto penalizzerebbe cittadini che per scelta personale, decidono, in pieno diritto, di vivere la stagione estiva in libertà e a costo zero – dicono anche gli esponenti forzisti -. L’emergenza Covid 19 ha generato una forte crisi economica e anche la cifra simbolica di 2 euro , andrebbe ulteriormente a pesare sulle famiglie e sui singoli utenti già fortemente provati dal lungo periodo di Pandemia. Anche la gestione di prenotazioni tramite App andrebbe a determinare una circostanza discriminatoria a danno di chi non è dotato di strumenti tecnologici o più semplicemente più in là con l’età. I bagnanti che frequentano le spiagge libere portano da casa il loro bagaglio balneare e, come da Art. 3 lettera F del Regolamento Regionale, hanno l’obbligo di rimuovere lo stesso dalle ore del tramonto; pertanto la tassa sulla Tintarella per posizionare un ombrellone diventa ingiusta e fuori luogo. In questo momento delicato per la nostra città è semmai necessario continuare a richiedere senso civico e rispetto delle regole vigenti, aumentare la collaborazione con tutti i volontari di ogni associazione territoriale per il monitoraggio del territorio e per scongiurare pericolosi assembramenti. Riteniamo opportuno valutare anche l’impiego, a tale scopo, dei cittadini anconetani che beneficiano del Reddito di Cittadinanza nonché del personale della Polizia Municipale».

Gestione delle spiagge libere, i Verdi: «Basi di ombrelloni per garantire distanze di sicurezza»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X