facebook rss

Ceriscioli: «Il mio destino?
E’ quello del professore
Dopo le elezioni tornerò a scuola»

MARCHE 2020 - Il governatore frena su una sua possibile ricandidatura e ribadisce l'appoggio a Maurizio Mangialardi: «E' nota la mia scelta a favore dell'unità del centrosinistra, questo percorso sta andando avanti con il mio pieno e convinto sostegno»
Print Friendly, PDF & Email

riaperture-regione-ceriscioli-mangialardi-1-325x165

Luca Ceriscioli e Maurizio Mangialardi

 

«Il mio destino è quello del professore, speravo di poter andare sotto l’ombrellone, se si fosse votato a luglio. Ma con le elezioni a settembre non sarà possibile. Quindi tornerò a scuola direttamente dopo le elezioni. E’ il mio lavoro e ci torno volentieri». E’ quanto ha garantito il governatore Luca Ceriscioli, durante una conferenza stampa in streaming, in cui insieme alla Giunta regionale ha tracciato un bilancio di fine mandato, al netto dell’emergenza covid. Ceriscioli è insegnante di matematica alle superiori, ma è stato anche sindaco di Pesaro per due mandati e governatore per uno. Prima dello scoppio della pandemia aveva “abdicato” a una ricandidatura che avrebbe seriamente rischiato di spaccare il Pd e tutta l’alleanza di centrosinistra e così in nome dell’unità aveva passato il testimone a Maurizio Mangialardi, sindaco di Senigallia e presidente Anci Marche. Ora, con l’indice di gradimento che è tornato a salire grazie alla buona gestione dell’emergenza covid, voci di corridoio lo vorrebbero di nuovo in pista e pronto a un mandato bis. Circostanza che lui stesso continua però a smentire, almeno ufficialmente.  «Lasciamo una bella eredità per chi verrà – ha aggiunto infatti Ceriscioli – è nota la mia scelta a favore dell’unità del centrosinistra verso un’altra figura (Maurizio Mangialardi, ndr). Questo percorso sta andando avanti con il mio pieno e convinto sostegno».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X