facebook rss

A fine giugno partono i centri ricreativi:
aperte quattro sedi
Attività fino a settembre

ANCONA - Possono partecipare bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni. L'assessore Emma Capogrossi: «potenziato il periodo di funzionamento per rispondere al meglio alle esigenze di socializzazione dei minori e a quelle delle famiglie di usufruire di ambienti sicuri e stimolanti per i figli, dopo il lungo periodo di lockdown»
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

Ci sono ancora diversi posti disponibili e in più turni per questa estate 2020 nei centri ricreativi presenti sul territorio comunale.  Questi centri (da non confondere con i cosiddetti centri estivi) rappresentano da più di 20 anni un’offerta educativa-ricreativa-formativa per il tempo libero di bambini e ragazzi di età compresa tra i 6 e i 14 anni, in grado di offrire, attraverso esperti animatori, attività che spaziano dai laboratori di manipolazione e riciclo, ad attività espressive, teatrali, di drammatizzazione, di conoscenza della città e dei suoi luoghi, nonché un valido supporto nell’esecuzione pomeridiana dei compiti scolastici. Inseriti all’interno della rete dei Servizi Sociali tra le opportunità rivolte a tutti i bambini e ragazzi, rappresentano una realtà di integrazione e socializzazione del quartiere, un’occasione di aggregazione e di confronto tra pari, di apprendimento di tecniche manuali e di gioco, un punto di riferimento per famiglie ed istituzioni scolastiche. Le iscrizioni si effettuano inviando l’apposito modello di preiscrizione, scaricabile dal sito del Comune, all’indirizzo di posta elettronica centriestivi2020@comune.ancona.it.
Per maggiori informazioni relative ai centri ricreativi (che funzionano durante tutto l’anno scolastico e sono in tutto 8 dislocati in quartieri diversi della città) è possibile contattare il numero 071 222 2153.  Le sedi dei centri ricreativi individuate per l’estate 2020 sono: Trovamici (via Torresi, 48);  La Cicala (via Brecce Bianche, 72);  La Bottega della Fantasia (via Flavia, 5/a);   Nonni e Nipoti (via Bufalini – Collemarino) I centri saranno aperti dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 13 e accoglieranno bambini e adolescenti dai 6 ai 14 anni, per i seguenti periodi, ciascuno di due settimane: dal 29 giugno al 10 luglio, dal 13 luglio al 24 luglio, dal 27 luglio al 7 agosto, dal 24 agosto al 4 settembre.

L’assessore Capogrossi

«Vista la necessità di favorire momenti aggregativi e ludici per bambini e ragazzi che ne sono stati privati a lungo a causa della pandemia- riferisce l’assessore alle Politiche sociali Emma Capogrossi – in ottemperanza alle Linee Guida nazionali in materia di gestione in sicurezza delle attività rivolte ai bambini ed adolescenti durante la fase 2 dell’emergenza Covid19 abbiamo ritenuto opportuno ampliare l’offerta estiva dei centri ricreativi promuovendo l’apertura di quattro sedi anziché due, potenziando il periodo di funzionamento, da giugno a settembre, per rispondere al meglio alle esigenze di socializzazione dei minori e a quelle delle famiglie di usufruire di ambienti sicuri e stimolanti per i figli, dopo il lungo periodo di lockdown». Le stesse linee guida hanno fornito indicazioni pratiche di organizzazione dei centri, individuando nel piccolo gruppo la modalità di organizzazione delle attività, limitando il numero dei bambini da accogliere e abbassando il rapporto operatore-bambino, per questo ogni centro potrà accogliere 2 gruppi di bambini ed adolescenti per un massimo di 17 unità. In ogni gruppo potrà essere inserito un bambino con disabilità. Le attività dei centri si svolgeranno per lo più all’aperto, utilizzando gli spazi esterni delle strutture e i parchi pubblici adiacenti. Saranno privilegiate attività di gioco e di movimento, di conoscenza del quartiere e della città, di libera espressione dei bambini, favorendo lo sviluppo delle abilità di ciascuno e lo scambio relazionale, il tutto in un contesto sereno, accogliente e di collaborazione con le famiglie, prestando massima attenzione alle misure igieniche, di pulizia dei locali e del materiale, al distanziamento fisico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X