facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

Tempesta di vento e grandine
tra Ancona a Jesi:
soccorsi, incidenti e allagamenti

MALTEMPO - Il nubifragio ha impegnato ancora una volta i vigili del fuoco e gli agenti della polizia locale intervenuti per chiudere l'accesso a cavalcavia e strade. La zona più colpita è stata quella di Jesi dove l'acqua piovana si è infiltrata anche nella caserma dei carabinieri
Print Friendly, PDF & Email

L’asse attrezzato allagato

 

 

Il nubifragio abbattutosi sulla città ha causato danni anche questa volta più che altro dovuti però ad allagamenti vari. Il Piano è stato il quartiere più colpito dove, in piazza D’Armi, l’acqua ha creato il solito ‘lago’ al punto che la strada perimetrale che dà in via Cristoforo Colombo, è stata chiusa alla circolazione da parte della polizia locale giunta sul luogo per il tempo necessario agli operatori del Comune e di Anconambiente di farla defluire nel condotto fognario.
Ribaltati dal vento anche tutti i cassonetti dell’immondizia.

I commercianti di via Cristoforo Colombo, sono corsi ai ripari per evitare che l’acqua entrasse nei negozi, rigettandola in strada utilizzando stracci e scope mentre altri hanno issato delle paratie.
I tombini, ricoperti da fogliame, sono stati aperti in modo tale da permettere lo scorrere della massa d’acqua che scendeva dai vicini quartieri più in alto.

L’intervento per il prosciugamento dei sottopassi allagati a Jesi in cui diverse famiglie sono rimaste isolate nella zona del canile comunale

I vigili del fuoco, insieme alla polizia locale, stanno invece intervenendo nel rione Adriatico, in via Tagliamento, nei pressi della chiesa dei Servi di Maria, dove un tombino è esploso venendo poi a formare una sorta di voragine attorno.
Chiuso invece, sempre dalla polizia locale, il sottopasso di via Macerata a Vallemiano.
La pioggia ha causato anche un incidente lungo l’asse attrezzato, nella corsia in direzione della Baraccola dove, all’altezza della galleria di Baldì, una 38enne è uscita di strada finendo contro il guardrail. La corsia di marcia era infatti in parte allagata e probabilmente l’incidente, che non ha visto altri mezzi coinvolti, si è schiantato contro il guardavia per il fenomeno dell’aquaplaning. Sul posto è intervenuta un’ambulanza della Croce Gialla. La giovane è stata medicata sul posto ma ha rifiutato poi il trasporto a Torrette. Vari interventi sono stati effettuati dai vigili del fuoco, sempre a causa del maltempo, soprattutto nella zona di Jesi, la più colpita della provincia, dove si sta lavorando a seguito delle diverse chiamate arrivate al 115 per infiltrazioni varie che hanno visto allagamenti anche nella caserma dei carabinieri.
Un soccorso a persona è stato invece effettuato dai vigili del fuoco di Osimo a Polverigi per un disabile sorpreso dal maltempo e intento a rientrare a casa proprio mentre si stava abbattendo la grandine che ha reso le strade pericolose.
Nel centro storico della frazione di Gallignano invece, sempre a causa del maltempo, un albero del verde pubblico è caduto in mezzo alla strada poco prima che passasse un’auto. Le fronde, una volta piombato al suolo, hanno colpito anche alcune vetture in sosta lungo la via. Fortunatamente non vi è stato alcun danno a persone. Il  bilancio è di circa 50 gli interventi svolti nella giornata odierna per la perturbazione transitata sulla provincia di Ancona soprattutto per alberi caduti, sottopassi allagati nella zona di Jesi e acqua penetrata nei locali seminterrati.

(Al.Big)

(foto Giusy Marinelli)

 

L’intervento della polizia locale dopo l’incidente avvenuto sull’asse a causa della pioggia

 

Il sottopasso di via Macerata chiuso alla viabilità

 

L’albero caduto nel centro storico di Gallignano

 

L’albero caduto nel centro storico di Gallignano

 

L’albero caduto nel centro storico di Gallignano

Temporale e grandinata su Polverigi, disagi e allagamenti (Video)

Dopo i temporali scatta il divieto di balneazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X