facebook rss

Travolge e uccide un 63enne in scooter,
era positivo alla cocaina: arrestato

TRAGEDIA - Lo schianto è avvenuto a Sant'Elpidio a Mare. La vittima è Terenzio Marziali, ha lavorato come netturbino per il comune di Civitanova e ora era stato trasferito al Cosmari. L'automobilista è un 37enne brasiliano, che vive nella città rivierasca (si trova ai domiciliari). Dopo l'incidente è finito con l'auto in un campo ed è poi fuggito a piedi insieme ad un connazionale che si trovava con lui
Print Friendly, PDF & Email

WhatsApp-Image-2020-08-22-at-12.58.46-650x488

In foto le immagini dell’incidente e Terenzio Marziali

 

Muore in scooter dopo essere stato tamponato da un’auto: dramma nella notte a Sant’Elpidio a Mare, a perdere la vita il 63enne Terenzio Marziali, residente a Casette D’Ete, lavorava per il Cosmari, per tanti anni ha fatto l’operatore ecologico per il comune di Civitanova. Arrestato il conducente dell’auto, un brasiliano di 37 anni che risiede a Civitanova: si è allontanato dopo l’incidente ed è stato trovato positivo alla cocaina. L’uomo era in auto con un connazionale, la loro vettura è finita in un campo e lì l’hanno abbandonata.

terenzio-marziali L’incidente è avvenuto questa notte e sul posto per ricostruire l’accaduto sono intervenuti i carabinieri del Nucleo radiomobile della Compagnia di Fermo (comandato da Serafino Dell’Avvocato), e della stazione di Sant’Elpidio a Mare, guidati dal comandante Massimiliano Carrino. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri la Megane su cui viaggiavano i due brasiliani proveniva da Civitanova e stava percorrendo la provinciale 26 dove è avvenuto l’impatto con lo scooter su cui si trovava Marziali. La Megane dopo aver tamponato il motociclo ha proseguito la marcia è proseguita per alcune centinaia di metri quando poi è uscita di strada e si è ribaltata in un campo. I due brasiliani a bordo hanno riportato alcune contusioni. L’uomo che si trovava al volante, un 37enne, è stato arrestato ed ora dovrà rispondere di omicidio stradale e omissione di soccorso. Rischia l’omissione di soccorso anche un altro automobilista al volante di una vettura che, secondo i carabinieri, sarebbe passata poco dopo l’incidente proseguendo la sua marcia.

terenzio-marziali-inci

L’incidente a Sant’Elpidio a Mare

In questo caso saranno le telecamere della videosorveglianza, già in mano ai militari dell’Arma, a fare chiarezza. A tentare di prestare i soccorsi a Marziali sono stati invece altri automobilisti di passaggio, giovani tra i 20 e i 30 anni che, si sono fermati vedendo quello che era successo. Il 63enne era ancora vivo all’arrivo dei soccorsi, ma è morto poco dopo, sull’ambulanza del 118. I carabinieri hanno accertato che l’autore del sinistro stradale si era dato alla fuga e le pattuglie del Norm hanno permesso di rintracciare l’auto che aveva provocato l’incidente (rinvenuta cappottata in un campo). Il conducente invece è stato trovato mentre correva a piedi insieme al connazionale, lungo la provinciale. I militari hanno ricostruito che al volante della vettura c’era l’uomo ed è stato sottoposto ad accertamenti all’ospedale di Fermo: è risultato positivo alla cocaina. L’uomo è ai domiciliari.

terenzio-marziali-3-650x518

Terenzio Marziali

LA VITTIMA – Terenzio Marziali è stato netturbino del Comune per moltissimi anni, recentemente era stato trasferito al Cosmari durante la riorganizzazione del servizio d’igiene avviata dal Comune ed era destinato a Civitanova Alta. Molto apprezzato, considerato uno fra i più attenti e bravi nel proprio lavoro che svolgeva con passione. E’ probabile che si stesse proprio recando al lavoro quando è stato travolto e ucciso. «La notizia ci ha lasciati tutti di stucco – dice il sindaco Fabrizio Ciarapica -, lo conoscevo personalmente, molto simpatico e preciso. Esprimo cordoglio per i familiari. Era una persona sempre al servizio della comunità, un gran lavoratore. Una grave perdita per tutti noi e per Civitanova Alta che curava con dedizione e attenzione». Negli anni ’80 e ’90 aveva gestito anche una piccola videoteca in via Magenta traversa di via Indipendenza, negli anni delle videocassette e prima dell’avvento dei cd.

(Redazione Cm)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X