facebook rss

Campocavallo piange Gino Stacchiotti,
il suo organetto era l’anima delle feste

OSIMO - Se n'è andato a 89 anni. «Aveva sempre un sorriso ed una parola buona per tutti» lo ricordano i parrocchiani che oggi lo saluteranno al Santuario della Beata Vergine Addolorata
Print Friendly, PDF & Email

Gino Stacchiotti

 

Saranno celebrati oggi alle 14,30, nel santuario di Campocavallo i funerali di Gino Stacchiotti, molto attivo nella comunità parrocchiale della frazione osimana e suonatore di organetto, sempre pronto ad animare con le sue note le feste delle tradizione popolare. Gino si è spento ieri a 89 anni lasciando la moglie Elena Cedri, i figli Giuseppe ed Antonella ed i suoi 6 adorati nipoti. Prima di andare in pensione, aveva lavorato come bidello alla sezione Geometri del Itc Corridoni.«Sarà impossibile dimenticarlo perché Gino, per chiunque lo incontrasse, aveva sempre un sorriso ed una parola buona. – lo ricordano i parrocchiani di Campocavallo – La sua presenza era sempre solare, serena, gioiosa tipica delle persone che sono in pace con sè stesse e con il mondo circostante. Gino è stato marito e padre premuroso, amico sempre generoso, solidale con tutti. Una persona davvero perbene che sapeva spendersi per gli altri. Apparteneva a quel genere di persone che in una comunità parrocchiale fanno da collante, sono capaci di unire e soprattutto di darsi disinteressatamente agli altri. Ci mancherai caro Gino, ci mancheranno le tue allegre melodie con le quali allietavi le nostre feste o la nostra borgata, specie nelle giornate di festa quando il tuo magico organetto ti accompagnava rendendo le giornate più liete». La salma è stata composta nella casa del commiato Re di via dei Tigli a Padiglione di Osimo da dove oggi pomeriggio partirà per il santuario della Beata Vergine Addolorata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X