facebook rss

I custodi del parco Kennedy:
due beneficiari
del reddito di cittadinanza

FALCONARA - Si tratta di uomini, di età compresa tra i 30 e i 50 anni. Il progetto avrà durata di sei mesi e l'impegno richiesto sarà quotidiano, con un orario che va da 8 a 16 ore settimanali
Print Friendly, PDF & Email

L’area giochi al parco Kennedy

 

Sono partiti il 18 luglio scorso, non appena terminata la sospensione dovuta all’emergenza sanitaria, i progetti utili alla collettività che coinvolgono i beneficiari del reddito di cittadinanza a Falconara. Nel corso dell’estate, sulla base di un progetto dei Servizi sociali, cinque persone destinatarie del sussidio sono state impegnate nelle serate iniziali del cartellone Falconara Estate 2020, in supporto al personale comunale. Tra i loro compiti, l’allestimento delle sedie per il pubblico, l’igienizzazione delle sedute utilizzate dagli spettatori e la pulizia dei servizi igienici. Altre due persone saranno coinvolte in autunno nei progetti utili alla collettività (Puc) per la custodia, la sorveglianza e la pulizia al parco Kennedy, dove il mese scorso è stata inaugurata la nuova area giochi. Il progetto è già stato predisposto anche in questo caso dai Servizi sociali e l’attivazione avverrà dopo un breve corso di formazione. Il progetto per la custodia della principale area verde cittadina avrà durata di sei mesi e l’impegno richiesto ai due beneficiari del reddito di cittadinanza sarà quotidiano, con un orario che va da 8 a 16 ore settimanali.

Tanto per il progetto estivo, quanto per quello che riguarda il parco Kennedy, le persone inserite nei Puc sono uomini, di età compresa tra i 30 e i 50 anni. Sono 104 i nuclei familiari percettori di reddito di cittadinanza che saranno convocati dal Comune per la sottoscrizione del patto di inclusione sociale. Tra questi si individueranno i soggetti idonei all’attivazione dei progetti utili alla collettività. Sono esclusi dai Puc, tra gli altri, gli over 65, le persone disabili, quelle che si prendono cura di minori o di altri soggetti non autosufficienti. Attualmente sono stati già individuati 15 soggetti con i quali attivare i progetti e si stanno studiando i settori di applicazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X