facebook rss

La app anti Covid degli studenti
monitora gli ingressi a Unicam (Video)

CAMERINO - Tracciate tutte le presenze nelle aule con YoUnicam. Con Bookeeper invece sarà possibile leggere i libri non consultabili in biblioteca per le restrizioni. Il rettore Claudio Pettinari: «Soluzioni per la comunità». Il direttore generale Vincenzo Tedesco: «Tutti gli atenei annunciano le loro app ma non le fanno vedere, mentre le nostre diventano tesi di laurea»
Print Friendly, PDF & Email
La presentazione delle App sviluppate da Unicam

di Gabriele Censi

Unicam fa tutto in casa e realizza un percorso circolare di formazione con gli studenti impegnati nella realizzazione di servizi utili all’intera comunità universitaria. Parliamo delle App YoUnicam e Bookeeper sviluppate dal laboratorio di Informatica sotto la supervisione dei docenti Andrea Polini e Francesco De Angelis. Servizi estremamente utili anche al fine di ottemperare alle normative anti Covid e di velocizzazione delle procedure di accesso alle aule. Con YoUnicam, gli studenti, prima di entrare in aula, avranno assegnato il numero di posto in cui sedersi. Bookeeper è invece la biblioteca digitale che permette la consultazione dei libri digitalizzati.

App-unicam-2-325x183

Con un codice Qr all’ingresso di ogni aula vengono rilevate  le presenze degli studenti

Matteo Leonesi si è occupato con il collega Yuri Paoloni di YoUnicam:  «Abbiamo avuto già 3000 download e questa mattina circa un migliaio di rilevazioni di presenza, la funzionalità principale è rilevare la presenza degli studenti all’interno delle aule, ma ci sono tanti altri servizi già attivi e altri in implementazione». A sviluppare la app Bookeeper sono stati invece gli studenti Joel Sina, Lorenzo Palazzesi e Simone Panzarani. «L’app offre la possibilità agli studenti di leggere i libri attraverso i dispositivi mobili, l’idea è nata con l’emergenza Covid durante la quale non era possibile accedere alla biblioteca», ha spiegato Joel Sina.

Joel-Sina

Joel Sina, uno degli sviluppatori di Bookeeper

Il rettore Claudio Pettinari conferma con un encomio pubblico i voti di eccellenza che gli studenti protagonisti del lavoro hanno avuto per i loro esami:  «Un’esperienza per i ragazzi che potranno spendere domani, in un periodo difficile, con un tirocinio interno, hanno trovato delle soluzioni a beneficio dell’intera comunità». Rimarca il docente Andrea Polini: «La digitalizzazione diventa ancora più importante in questo periodo». Soddisfazione viene espressa anche dal direttore generale Vincenzo Tedesco: «Tutti gli atenei annunciano le loro app ma non le fanno vedere, le nostre applicazioni sono fatte dallo studente che ne fa una tesi di laurea».

App-unicam-1-650x366

Gli studenti che hanno sviluppato le app con il rettore Claudio Pettinari (a sinistra) e il professore Andrea Polini (a destra)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X