facebook rss

Scambio di droga e hashish negli slip:
arrestato pusher insospettabile

OSIMO - I poliziotti del Commissariato hanno pedinato un assuntore abituale e assistito alla cessione dello stupefacente. In casa del giovane incensurato sono stati trovati quasi 1000 euro in banconote da 20 e 50 euro. Pena sospesa dopo il patteggiamento in tribunale
Print Friendly, PDF & Email

Il commissariato di Ps di Osimo

 

 

Scambio di droga a ridosso del Natale, arrestato giovane insospettabile. Nell’ambito della lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti, che non sembra arretrare neanche di fronte alla drammatica pandemia che tutto il mondo sta vivendo, gli agenti del Commissariato di Polizia di Osimo, diretti dal commissario capo Stefano Bortone, l’antivigilia di Natale e nella imminenza del ritorno della zona rossa, hanno arrestato un giovane incensurato, sorpreso mentre cedeva dosi di hashish ad un coetaneo, abituale assuntore di sostanze stupefacenti. I poliziotti, da tempo sulle tracce dello spacciatore, hanno pedinato l’italo tunisino C.G.A., nato ad Osimo, fino al luogo dell’appuntamento, in una zona appena fuori dal centro abitato. A.J., anche lui italo-tunisino e da tempo residente ad Osimo, incensurato e senza una stabile occupazione, è stato dichiarato in arresto non appena gli agenti di Polizia hanno visto, senza essere notati, lo scambio di 200 euro con la droga. Addosso all’arrestato, occultate negli slip, gli inquirenti hanno poi trovato altri 40 grammi di hashish divisi in dosi, pronte per essere smerciate, e nel suo appartamento, dove vive dopo essersi allontanato dalla famiglia d’origine, la somma di quasi 1000 euro in banconote da 20 e 50 euro, ritenuta provento dell’illecita attività di spaccio. Il processo con rito direttissimo è stato celebrato nelle aule del Tribunale di Ancona. Il giudice ha convalidato l’arresto ed i sequestri di droga e denaro. Di fronte a prove inconfutabili, l’arrestato, d’intesa con il suo difensore, ha scelto di patteggiare la pena, sospesa per la concessione dei benefici di legge, a sei mesi di reclusione e mille euro di multa. Per l’acquirente vi sarà soltanto l’ennesima segnalazione alla Prefettura, per l’attuazione di un programma terapeutico e socio-riabilitativo. L’arresto scaturisce dall’intensificazione dei servizi di controllo del territorio disposti dal questore di Ancona, Giancarlo Pallini, in tutta la provincia al fine di reprimere ogni forma di illegalità, in particolare lo spaccio di sostanze stupefacenti, da sempre una piaga per la nostra società.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X