facebook rss

Comunali a Castelfidardo,
la figlia di Peppina candidata sindaco:
su Gabriella Turchetti centrodestra compatto

ELEZIONI - La farmacista ha lottato al fianco della mamma, simbolo delle popolazioni ferite dal terremoto. Scioglierà la riserva tra qualche giorno
Print Friendly, PDF & Email

Peppina con la figlia Gabriella Turchetti e il genero Maurizio Borghetti

 

 

Gabriella Turchetti verso la candidatura a sindaco del centrodestra per le prossime elezioni comunali di Castelfidardo. Sembra cosa fatta ma la cautela è d’obbligo considerato che, senza l’ufficialità e nel rispetto delle dinamiche politiche, nei pochi mesi che separano i fidardensi dall’appuntamento con le urne, lo scenario delle alleanze e delle candidature per le amministrative di primavera può sempre cambiare o restare avvolto nell’incertezza fino al giorno del deposito di liste e candidature. Stavolta però il centrodestra castellano sembra essersi compattato con tutti i suoi simboli storici (alle Comunali 2016 aveva optato per una lista civica), sulla scelta di una donna come candidato sindaco. I rumors parlano di accordi tra FdI, Lega e Fi, stretti durante le festività natalizie, che convergono proprio sul nome di Gabriella Turchetti, contitolare della Farmacia Gala a Campocavallo di Osimo, per molti anni responsabile della farmacia comunale di Castelfidardo. Per impegni lavorativi, la farmacista non scioglierà la riserva sulla candidatura prima di qualche giorno.

Stimata e apprezzata nella città della fisarmonica dove vive, Gabriella Turchetti è nota anche per aver combattuto una battaglia importante a fianco della madre, Peppina Fattori, 97 anni di Fiastra, simbolo della resilienza delle popolazioni colpite dal terremoto del 2016. Nonna Peppina due anni fa era finita al centro di un caso nazionale per la casetta in legno a Moreggini di Fiastra dove era andata a vivere dopo il terremoto, ritenuta abusiva e quindi posta sotto sequestro con i sigilli. Solo dopo varie vicissitudini, la vicenda era approdata a Montecitorio. Durante il governo Conte giallo-verde era stato emanato il decreto ‘salva-Peppina’, permetendo così alle figlie delle nonnina di Fiastra, Agata con il marito Maurizio Borghetti e Gabriella,  di procedere con la sanatoria pagando il vincolo ambientale al Comune e a Peppina di tornare nel suo prefabbricato.

(redazione Ca)

Berlusconi guarda già alle elezioni: «Sarò nelle Marche per le comunali Nei sondaggi siamo al 10,4%»

Elezioni comunali 2021, ‘Castelfidardo in Azione’ siede al tavolo del centrosinistra

Comunali 2021 Castelfidardo, il centro sinistra lavora per un progetto unitario

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X