facebook rss

La compagnia made in Marche
è pronta al decollo:
poker d’imprenditori per Kairos Air

ANCONA – Firmati ieri i documenti per avviare la società di trasporto aereo che farà base al Sanzio. Sono per ora della partita Luisa Davanzali, Paolo Tanoni, Mauro Guzzini e Massimo Ottaviani, ma altri big marchigiani sarebbero pronti ad aderire. Socio tecnico, la spagnola Air Nostrum
Print Friendly, PDF & Email

Gli imprenditori presenti alla firma. Da sin: Guzzini, Tanoni, Davanzali e Ottaviani

 

Ci siamo. La compagnia aerea made in Marche è pronta al decollo. Un poker di imprenditori regionali più il socio tecnico – la compagnia spagnola Air Nostrum – hanno ieri firmato i documenti per l’avvio di Kairos Air, società di trasporto aereo che farà base al Sanzio. Nello studio anconetano del notaio Stefano Sabbatini erano presenti Luisa Davanzali, figlia di quell’Aldo patron di Itavia, Paolo Tanoni, consigliere d’amministrazione di Ariston Thermo, Mauro Guzzini, legale rappresentante di M.G. Investment Partner e Massimo Ottaviani amministratore unico di Mai. Per ora, sono stati loro a gettare le fondamenta dell’operazione – una partita dal capitale sociale di 450mila euro, ma che punta in tempi brevi ai 5 milioni di euro – ma dovrebbero aggiungersi a stretto giro di posta anche altri big dell’economia marchigiana, come Francesco e Paolo Merloni, Adolfo Guzzini e Nadro Filippetti. Presente ieri, ma solo a titolo personale, anche l’amministratore delegato di Aerdorica (società gestore del Sanzio), Carmine Bassetti. Nelle prossime settimane, si terrà un’assemblea dei soci per formalizzare la compagine societaria. Si partirebbe con due aerei ATR 72/600 nuovi e con collegamenti per Roma e Milano, con orari fissati in modo da poter agganciare i collegamenti internazionali specialmente da Fiumicino. La flotta potrebbe poi essere ampliata a dieci velivoli, massa critica ideale per questo tipo di compagnie. Oltre ai due scali già citati, le ipotesi di rotte prevedono anche Napoli, Lamezia Terme, Brindisi, Olbia ed Alghero, a cui potrebbero aggiungersi le mete internazionali a corto raggio Corfù, Tirana, Skopje e Spalato. La partita potrebbe intrecciarsi con i bandi per i nuovi voli emanati dalla Regione e, finalmente, il Sanzio conterebbe su un variegato bouquet di collegamenti con il mondo.

(Redazione CA)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X