facebook rss

Ritorno a scuola e trasporti:
«In alcuni casi capienza
dei bus sotto il 40%»

ANCONA - Il punto con il presidente di Conerobus Muzio Papaveri: «Nessun tipo di problema». Alle fermate steward e polizia locale. Buon riscontro sull'utilizzo dell'app 6Smart per prenotare le corse
Print Friendly, PDF & Email

Studenti alla fermata di via Martiri della Resistenza

 

«Non abbiamo riscontrato alcun tipo di problema. Il servizio del trasporto pubblico ha utilizzato al massimo il 50% della capienza e, in alcuni casi, non ha registrato nemmeno il 40%».
Hanno funzionato alla perfezione, e in totale sicurezza, gli autobus che questa mattina sono stati utilizzati dai ragazzi per il loro rientro in classe dopo mesi di dad.
A confermarlo è anche lo stesso Muzio Papaveri, presidente di Conerobus. Gli autobus sono  ampliamente utilizzati, ma nel rispetto delle regole. Diversi anche gli studenti che hanno inaugurato e utilizzato la nuova app “6Smart”, ideata per prenotare il posto e non superare dunque la capienza massima consentita per ogni mezzo, che è del 50% rispetto al numero di passeggeri che l’autobus può trasportare regolarmente.

Il presidente Conerobus Muzio Papaveri

«L’augurio – ha detto – è quello che con il tempo l’app possa poi essere utilizzata sempre di più, anche con un passaparola tra i ragazzi nel vedere appunto chi la utilizza, vedendo in questo modo come è possibile viaggiare sui mezzi pubblici in totale sicurezza». Lungo alcune fermate erano presenti, alla salita, pure gli uomini della Polizia Locale mentre in altre occasioni vi erano gli steward. Quest’ultima figura «si trova nelle fermate che vengono considerate più critiche per affluenza – ha proseguito -. In futuro, in base al budget che verrà messo a disposizione dalla Regione oppure dal Comune o altri, si capirà anche in quale numero metterne a disposizione». Nel frattempo, basandosi sulla giornata di oggi, si lavora già sulle prossime: «Monitoreremo le corse -ha concluso – in base alla taratura dell’affluenza. Il nostro impegno sta nel promuovere infatti la tranquillità nello spostamento».

(al.big)

Gli studenti tornano sui banchi: «Una parvenza di normalità, finalmente di nuovo a scuola»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X