facebook rss

Setter avvelenati, aperto fascicolo
Indagine per uccisione di animali
«Il cerchio si sta stringendo»

CHOC - Inchiesta affidata ai carabinieri Forestali. I tre cani, trovati morti a Sirolo, erano dell'avvocato maceratese Marco Battellini che ha scritto su Facebook rivolgendosi all'autore del gesto: «Mi fai ribrezzo»
Print Friendly, PDF & Email

foto-cane

I setter irlandesi uccisi

 

La procura di Ancona ha aperto un fascicolo per l’avvelenamento di tre cani dell’avvocato maceratese Marco Battellini. Il reato è di uccisione di animali e l’indagine è affidata ai carabinieri Forestali della stazione di Sirolo. Ed è a Sirolo, nel giardino della casa del professionista, che i tre setter irlandesi sono stati uccisi da qualcuno. Le carcasse sono state trovate sabato mattina dal proprietario che ha subito fatto denuncia. I setter sono stati avvelenati, uno di loro, Max (che era il padre degli altri due cani uccisi) è possibile sia stato avvelenato qualche giorno prima perché aveva iniziato a non stare bene. I figli, che avevano circa due anni, sono invece stati avvelenati nella notte tra venerdì e sabato. Le indagini per risalire a chi abbia ucciso i tre setter sono in corso per riuscire a dare una identità all’autore del gesto. Un reato, quello dell’uccisione di animali, che prevede pene fino a due anni. L’avvocato Battellini sabato mattina ha scoperto i corpi dei suoi tre cani stesi, uno vicino all’altro, sul vialetto della propria abitazione. Una cosa scioccante che ha spinto il legale oltre a fare denuncia, anche a pubblicare su Facebook la foto dei tre cani uccisi. Oggi ha pubblicato un video con i tre cani che giocano, e prima ha scritto un post: «Sai… il cerchio si sta stringendo. Hai lasciato delle tracce. La tua azione miserrima inizia anni orsono ad Ancona» ha scritto oggi il legale. Che ha messo anche in allerta i possessori di animali «suggerisco massima attenzione», e a chi ha ucciso i Setter dice «mi fai ribrezzo».

(Gian. Gin.)

Uccisi tre cani di un avvocato, avvelenati nel giardino di casa

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X