facebook rss

Vaccino anti Covid:
seconda dose per gli ospiti
della casa di riposo di Maiolati

SONO 15 le persone attualmente positive, costantemente monitorate e seguite dal personale della Fondazione e da infermieri e medici messi a disposizione dall’Asur Area Vasta 2. Gli ospiti ricoverati in strutture sanitarie sono tre
Print Friendly, PDF & Email

 

Verrà somministrata domani dai medici di famiglia la seconda dose del vaccino anti Covid agli anziani ospiti e al personale della struttura della Casa di riposo di Maiolati Spontini, gestita dalla Fondazione Gaspare Spontini. A completare la procedura di vaccinazione, così come era stato programmato all’inizio, saranno quattro anziani: quelli, cioè, o guariti o che non hanno contratto il Covid-19. Sono ancora 15 le persone attualmente positive, costantemente monitorate e seguite dal personale della Fondazione e da infermieri e medici messi a disposizione dall’Asur Area Vasta 2. Gli ospiti ricoverati in strutture sanitarie sono tre. Nei prossimi giorni, appena la situazione sanitaria lo consentirà, la seconda dose del vaccino verrà somministrata anche agli altri anziani.
Il Covid ha colpito duramente la struttura di Maiolati Spontini, la cui attuale sede è l’ex albergo “Casa Paolo VI”, dove fino a metà febbraio non erano mai stati rilevati casi di positività dall’inizio della pandemia.
Purtroppo, infatti, dei trenta anziani ospitati nella Casa di riposo, sei, tutti con patologie pregresse molto gravi, sulle quali il Covid ha notevolmente influito, sono deceduti nel periodo compreso fra tra il 25 febbraio e il 4 marzo.
La Fondazione Gaspare Spontini esprime le più sentite condoglianze alle famiglie delle persone decedute.
«Sono state messe in atto tutte le procedure – sottolinea il presidente della Fondazione Ivano Zamporlini – per garantire le cure e l’assistenza degli ospiti. Ringraziamo per la collaborazione e per l’impegno instancabile tutto il personale della struttura, il medico e gli infermieri dell’Usca, le Unità speciali per la continuità assistenziale, presenti costantemente nella casa Paolo VI».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X