facebook rss

Muore dopo un intervento al bacino:
la procura apre un’inchiesta

ANCONA - Indagati sei medici per la morte di Piero Mancini, 70enne di Corinaldo e titolare della cartoleria di piazza Sant'Anna. Ieri l'autopsia per chiarire le cause del decesso: le condizioni dell'uomo sono precipitate nel corso dell'operazione per ridurre la frattura
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

Muore dopo un intervento al bacino: la procura avvia un’inchiesta. Nel registro degli indagati sono stati inseriti con l’ipotesi di reato di omicidio colposo sei medici di Torrette. A perdere la vita, il 70enne Piero Mancini, titolare della cartoleria Terzo Millennio di Corinaldo, in piazza Sant’Anna. Ieri, sulla salma dell’uomo è stata eseguita l’autopsia chiesta dal pm Marco Pucilli. Sono stati incaricati due periti. Anche le parti (studio Scaloni per i medici e avvocato Ruggero Tomasi per la famiglia della vittima) hanno nominato dei loro consulenti. Obiettivo: risalire alle cause del decesso. E’ nel corso dell’operazione che le condizioni del 70enne sarebbero fatalmente peggiorare. Era finito a Torrette il sabato prima di Pasqua per una rovinosa caduta in bagno che gli aveva provocato un’estesa lesione al bacino. Per ridurre la frattura, il 7 aprile è stato portato in sala operatoria. Sarebbero insorte delle complicanze cardiache durante l’intervento, tali da compromettere le condizioni del paziente, già gravato da altre patologie. Uscito dalla sala operatoria, è finito in Rianimazione e poi è morto. Non sono stati i familiari a presentare un esporto: è stata la procura stessa ad avviare un’inchiesta dopo essere stata avvisata dall’ospedale della morte del degente. L’iscrizione nel registro degli indagati dei camici bianchi è stata finalizzata alla loro partecipazione all’accertamento autoptico chiesto dalla procura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X