facebook rss

Riaperture, occhi puntati
su Piazza del Papa
Mancinelli: «Serve autodisciplina»

ANCONA – Dal 26 aprile si allenteranno le misure restrittive anti Covid e, nelle regioni in zona gialla si potrà tornare a fare l'aperitivo: «Gli steward saranno utili fino ad un certo punto: l'esperienza ci ha insegnato che quando hai centinaia di persone accalcate in un posto, neanche con i Marines sei risolutivo»
Print Friendly, PDF & Email

Piazza del Papa la sera del 23 maggio 2020

 

 

Primi spiragli di un ritorno alla normalità. Dal 26 aprile si allenteranno, e di parecchio, le misure restrittive anti Covid, e nelle regioni in zona gialla (come dovrebbero essere le Marche) si potrà tornare a fare l’aperitivo e ad andare e cena fuori, fermo restando il coprifuoco alle 22. Un «rischio ragionato», come lo ha definito il premier Mario Draghi, quello delle riaperture, che comporterà inevitabilmente degli assembramenti.

Valeria Mancinelli

Nel capoluogo, occhi puntati su Piazza del Papa, cuore della socialità dorica. Ma come ci si sta organizzando per evitare che la situazione sfugga di mano? «Ci sarà il controllo delle forze di polizia statali e della polizia locale – spiega la sindaca Valeria Mancinelli –. Gli steward saranno utili fino ad un certo punto: l’esperienza ci ha insegnato che quando hai centinaia di persone accalcate in un posto, neanche con i Marines sei risolutivo. I due strumenti principali saranno l’autodisciplina ed il controllo delle forze di polizia». La prima cittadina articola poi il ragionamento: «Quando c’è la zona rossa, è vietato uscire, quindi anche la giusta repressione di chi viola le regole è fattibile perché i soggetti si contano nell’ordine di qualche decina. Se invece c’è, per legge, la possibilità di essere in mille in piazza del Papa, non è che si possono dissipare le persone con gli idranti. Per questo dico che, parallelamente alla maggior circolazione, ci deve essere più autocontrollo. Giustamente, si dice che bisogna rapportarsi con i cittadini come persone adulte e non come sudditi, quindi si comportino come adulti».

(m.m.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X