facebook rss

Vende un mobile e acquista
un robot pulisci-piscina:
due truffe online, tre denunce

ARCEVIA - Le vittime del raggiro sul web sono una vedova inserzionista di 69 anni e una acquirente di 61, entrambe residenti in paese, che si sono rivolte ai carabinieri. La prima invece di incassare ha versato 1600 euro al cliente, l'altra ha pagato 450 euro senza però ricevere la merce. Dopo indagini tecniche i militari sono risaliti agli autori delle frodi informatiche
Print Friendly, PDF & Email

 

Ancora truffe online questa volta consumate ai danni di due residenti di Arcevia. Dopo le denunce delle vittime e approfondite indagini tecniche i carabinieri di Arcevia, alle direttive della Compagnia di Fabriano e del capitano Mirco Marcucci, sono riusciti a identificare gli autori. Nel primo caso è stato denunciato un 42enne di Bergamo, pluripregiudicato, che ha raggirato una vedova 69enne di Arcevia. La donna ha messo in vendita in un sito online un mobile. Il 42enne l’ha contattata e e percepita subito la scarsa abilità della donna con i mezzi informatici, l’ha invita a raggiungere uno sportello bancomat. A conti fatti la donna invece di ricevere la cifra stabilita, 400 euro, ha effettuato 4 versamenti della stessa cifra, per un totale di 1.600 euro mentre riceveva indicazioni dal truffatore. Importo che l’uomo ha subito ritirato. Di lui si sono perse le tracce e la donna ha raggiungo la caserma di Arcevia per sporgere denuncia. Le indagini hanno permesso di dare un volto e nome all’uomo e quindi di denunciare l’autore della truffa.

Sempre ad Arcevia una 61enne del posto ha letto sul web l’inserzione con l’annuncio di vendita di un robot per pulire la piscina. Era stato messo in vendita a 450 euro. Interessata, ha deciso di contattare il proprietario. Dopo una veloce trattativa è stato pattuire il prezzo finale con uno sconto del 30% se l’acquirente avesse effettuato il pagamento in giornata. Così è stato. Il pacco con il robot pulitore, però, non è mai arrivato e del titolare dell’annuncio si sono perse le tracce. Così la donna ha formalizzato la denuncia. I carabinieri di Arcevia hanno identificato gli autori. In questo caso si tratterebbe di un 31enne di Napoli e una 33enne di Salerno. Entrambi sono stati denunciati per truffa in concorso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X