facebook rss

«Verifichi il bonifico con la PostePay»
ma era una truffa e gli svuota il conto

VITTIMA del raggiro un 25enne di Cerreto d'Esi che seguendo le indicazione della voce femminile che lo aveva contattato a telefono con quella scusa ha visto sfumare sulla carta il suo credito disponibile di 9.650 euro. Dopo la denuncia, gli agenti del Commissariato di Fabriano hanno identificato e deferito all'autorità giudiziaria una 45enne di Napoli
Print Friendly, PDF & Email

 

Truffa Postepay, in due mosse gli svuotano il conto. E’ accaduto pochi giorni fa ad un ragazzo di 25 anni residente nel comune di Cerreto D’Esi, raggiunto telefonicamente da una donna che gli chiedeva delucidazioni su un bonifico che stava eseguendo a favore di una persona a lui sconosciuta, tramite la sua carta Poste Pay. La somma totale del credito disponibile nella carta era pari a 9.650 euro. Il ragazzo è stato invitato dalla voce femminile ad eseguire urgentemente una verifica sulla carta attraverso il suo smart – phone, sull’App dedicata di Poste Pay. A seguito di questa verifica, il giovane preoccupato di essere effettivamente vittima di una truffa, pur constatando la presenza dell’intero credito, ha eseguito le indicazioni della donna che lo ha invitato a congelare il suo credito e ad eseguire un bonifico sempre a favore dello stesso sconosciuto e che, qualora fosse stato contattato dall’Ufficio Antifrode delle Poste avrebbe dovuto ignorare la chiamata. Effettivamente il giovane è stato poco dopo contattato dall’Ufficio Antifrode ma, trovandosi oramai in uno stato di totale confusione non sapendo a chi dare ascolto, ha disatteso la segnalazione, accorgendosi solo nel tardo pomeriggio di essere stato davvero raggirato con una magistrale truffa. Le successive indagini, condotte dal personale del settore anticrimine del Commissariato di Fabriano hanno permesso di individuare e quindi deferire all’autorità giudiziatia la responsabile del fatto, una donna di 45 anni residente a Napoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X