facebook rss

Palazzetto Baviera verso la Casa Museo:
in arrivo oltre 250mila euro di risorse

SENIGALLIA - Stamattina l’incontro pubblico per discutere della valorizzazione e della conservazione di questo gioiello marchigiano anche attraverso lo strumento dell’’art bonus’. Annunciata la partecipazione della famiglia Fiorini al restauro della Sala di Ilio, l’ultimo soffitto a stucco del complesso monumentale da restaurare
Print Friendly, PDF & Email

 

Questa mattina al Palazzetto Baviera di Senigallia, si è tenuto l’incontro ‘Art Bonus per il Palazzetto Baviera’, un’esperienza di buone pratiche tra pubblico e privato per il restauro e la valorizzazione della Casa Museo. Nel corso dell’incontro pubblico – fa sapere una nota del Comune di Senigallia – si sono succeduti gli interventi del sindaco Massimo Olivetti, del vicesindaco Riccardo Pizzi, di Francesca Farina (in rappresentanza della Soprintendente per i Beni Archeologici, Belle Arti e Paesaggio per le province di Ancona e Pesaro e Urbino arch.Cecilia Carlorosi), del funzionaro del Segretariato Mic Marche, Sara Trotta (in rappresentanza del Segretario Regionale Carlo Russo), del presidente e ceo della Fiorini Packaging, Giovanni Fiorini e dei restauratori Maria e Simone Fortuna della Alchemy S.n.c. per discutere pubblicamente sul tema della valorizzazione e della conservazione del Palazzetto Baviera, vero gioiello marchigiano. L’incontro è stato l’occasione per annunciare pubblicamente la partecipazione della famiglia Fiorini al restauro della Sala di Ilio, l’ultimo soffitto a stucco del complesso monumentale su cui non era ancora stato possibile intervenire. Fondamentale quindi l’elargizione di oltre 50.000 euro finalizzata al recupero di quest’ultimo tassello del meraviglioso capolavoro di Federico Brandani che entro Natale verrà restituito alla Città nell’interezza del suo splendore.

 Un gesto di grande spessore che Giovanni Fiorini ha così spiegato. «In questi settantacinque anni di attività l’azienda e la grande Famiglia Fiorini – ha ricordato – hanno sempre cercato di creare opportunità per il territorio e di contribuire alla crescita delle persone impegnandosi in numerose attività sociali, sportive e culturali. Dopo 30 milioni di investimenti per migliorare il nostro lavoro e dopo aver deciso di sostenere con un premio aggiuntivo, per il caro bollette, tutti i nostri collaboratori, c’è sembrato importante condividere parte della ricchezza generata con tutta la nostra città; per lasciare un altro segno di questo nostro impegno costante. Il Palazzetto Baviera è uno dei simboli storici di Senigallia e ci tenevamo che per questo passato illustre ci fosse anche futuro. Solo con una forte collaborazione tra pubblico e privato si possono ideare e realizzare progetti importanti e fondamentali per la collettività». Di grande importanza la notizia arrivata dalla Soprintendenza che conferma la volontà del Ministero della Cultura di destinare, nell’ambito della annualità 2022/2024 della legge 190, la somma di 200 mila euro per finanziare i restanti interventi di valorizzazione e conservazione del Palazzetto Baviera che nel giro dei prossimi anni porterà alla realizzazione di una Casa Museo.

Interventi che interesseranno le restanti parti strutturali, l’impianto illuminotecnico e il recupero totale degli arredi e delle suppellettili a suo tempo donati dall’ultima erede Baviera. «È con viva soddisfazione che accogliamo questa importante notizia. Palazzetto Baviera ha una forte rilevanza storica che si conferma riconosciuta nell’interesse pubblico e privato mostrato per il suo mantenimento e valorizzazione. Con la collaborazione di tutti finalmente riusciremo nel nostro intento» ha commentato la Soprintendente Cecilia Carlorosi. Il sindaco Massimo Olivetti, nel ringraziare i mecenati e la Soprintendenza, ha evidenziato come «quello della Famiglia Fiorini e della Fiorini Packaging è stato un gesto filantropico e di grande impegno civico, un esempio fondamentale di cittadinanza attiva, mentre il finanziamento del Ministero ci conferma ancora una volta l’importanza e il livello di questo monumento che abbiamo il dovere di valorizzare nel migliore dei modi nel prossimo futuro. Questo è il risultato di una comunione di intenti tra l’Amministrazione Comunale e la cittadinanza da una parte e gli enti sovraordinati dall’altra, che dimostra la giusta direzione nella quale insieme ci stiamo muovendo e, di come, insieme, intendiamo tracciare le linee della Senigallia del futuro».

Il vicesindaco Pizzi, è intervenuto ringraziando la Soprintendente per il fondamentale lavoro che stanno svolgendo per il riallestimento del Palazzetto Baviera e per la sua valorizzazione, e conclude. «Mi sento di ringraziare tutti coloro che stanno lavorando per la realizzazione di questo grande e ambizioso progetto della Casa Museo, – ha detto – i numerosi Mecenati del passato che ci hanno permesso di arrivare ad oggi e l’azienda Fiorini che con il suo gesto ci permette, finalmente, di restituire questo capolavoro alla Città. Non da ultimo ringrazio la Soprintendente e i suoi uffici che si sono prodigati per intercettare quest’ultimo importante finanziamento. Sapere che Senigallia sia nel cuore di così tante persone non può che renderci orgogliosi e sinceramente grati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X