facebook rss

“No alcol, no drugs, no crash”:
Ancona, Falconara e Senigallia
insieme contro gli incidenti stradali

IL PROGETTO coinvolge 3 Comuni della provincia dorica e mira ad avvicinare i giovani nei luoghi d’incontro in modo tale da promuovere comportamenti virtuosi e prevenire eventi drammatici. Della durata di un anno, è finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri con l’erogazione di 435mila euro
Print Friendly, PDF & Email

Un momento della conferenza stampa di questa mattina

 

 

Si chiama “No alcol, no drugs, no crash” ed è il progetto che coinvolge 3 Comuni della provincia di Ancona, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri con 435mila euro.
E’ stato presentato questa mattina in Comune ad Ancona, alla presenza del sindaco dorico, Valeria Mancinelli; di Falconara, Stefania Signorini e di Senigallia, Massimo Olivetti e con la partecipazione dei comandanti della Polizia Locale di Ancona, Liliana Rovaldi; di Senigallia Barbara Assanti e di Falconara, Luciano Loccioni.
Il progetto mira a sapere, con 3 ore di anticipo, dove è più probabile che possano verificarsi degli incidenti e di avvicinare i giovani nei luoghi d’incontro in modo tale da promuovere comportamenti virtuosi e prevenire eventi drammatici.
Lo scorso anno, la Polizia Locale dorica aveva partecipato ad un bando riservato ai capoluoghi di regione o di provincia, per la selezione di progetti riguardanti la promozione, il coordinamento e il monitoraggio sul territorio nazionale di attività di prevenzione, sperimentazione e contrasto all’incidentalità stradale correlata ad alcol e droga; permettendo di coinvolgere anche i comuni limitrofi. Coinvolti, sono stati quelli di Falconara e Senigallia i cui sindaci hanno firmato con Ancona un accordo di partenariato con il quale si impegnano ad attuare quanto previsto nel progetto presentato, concretizzatosi in una convenzione stipulata tra il comando della Polizia Locale dorica e la Presidenza del Consiglio dei Ministri e con l’erogazione di 435mila euro.

I controlli della Polizia Locale (Archivio)

Della durata di 1 anno, interessa la fascia costiera a Nord della provincia poiché proprio lungo questa direttrice si verificano incidenti stradali connessi all’uso di alcol o stupefacenti, come testimoniano i dati delle polizie locali e delle forze dell’ordine.
Incidenti stradali che si registrano ovviamente soprattutto d’estate e avvengono con maggior frequenza nelle località della movida serale e notturna che spesso fanno da polo di attrazione anche per altre città limitrofe.
Il progetto delle 3 amministrazioni comunali individua anche alcuni dei comportamenti più frequentemente adottati dai giovani come, ad esempio, il ‘binge-drinking’ che concentra in poco tempo l’assunzione di smodate quantità di alcolici per sballarsi e fare serata. Atteggiamenti che incrementano il rischio di incidenti con conseguenti lesioni o esiti mortali, proprio perché ci si mette alla guida in condizioni psicofisiche non idonee.
Ecco allora l’esigenza di promuovere buone pratiche che aumentino la consapevolezza, soprattutto nei giovani con questo progetto che si sviluppa sotto 3 aspetti.
Il primo è a carattere repressivo, aumentando il controllo delle Polizie Locali con il potenziamento dei servizi e della strumentazione specifica.

Un momento della conferenza stampa di questa mattina

Il secondo è l’utilizzo innovativo e sperimentale di una “intelligenza artificiale” X -Patrol. Grazie a dati demografici, socio economici e territoriali ma anche a quelli relativi alla incidentalità, il sistema elabora un quadro di previsione, con luogo e ora, allertando le pattuglie nelle zone dove è più probabile che possano verificarsi incidenti stradali legati proprio ad alcol o droga. Di conseguenza si potranno effettuare servizi mirati di controllo riducendo il rischio di incidenti anche mortali.
Il terzo punto è legato alla prevenzione e alla cultura della sobrietà.
Verrà divulgata sui “social” una campagna informativa che sarà accompagnata anche da incontri pubblici nelle scuole alla presenza di almeno 4mila studenti, che prevede anche la realizzazione di un docufilm dove saranno protagonisti i ragazzi delle scuole e vittime di incidenti stradali causati da uso di alcol e droghe. Sono previste iniziative ludiche e di simulazione nei luoghi della movida con l’ausilio della più recente tecnologia, come la realtà aumentata. Nelle piazze e nei luoghi maggiormente frequentati la Polizia Locale, in collaborazione con la Croce Rossa Italiana, incontrerà la popolazione per mostrare gli effetti dell’abuso di alcol e droghe alla guida dei veicoli e i rischi sulla salute.
Infine, ecco pure un’app che verrà divulgata per migliorare la consapevolezza dello stato psicofisico del conducente tramite la quale basterà inserire in forma anonima i propri valori e quello che si è bevuto per sapere se ci si può mettere alla guida o meno.

al.big.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X