facebook rss

Aumenti Tari, Liste civiche:
«Ci chiedono di organizzare
una manifestazione di protesta»

OSIMO - I movimenti civici segnalano un rincaro medio del 7% in bolletta e tornano a chiedere all'Amministrazione comunale di rivedere il servizio per ottimizzarlo
Print Friendly, PDF & Email

 

«Ci stanno  chiedendo già di fare una manifestazione di protesta per l’ulteriore aumento medio del 7%  della Tari, la tassa  rifiuti». Punta dritto al cuore del problema il contenuto dell’ultimo comunicato delle Liste civiche Osimo. I movimenti puntano  il dito contro gli aumenti delle bollette. «Un crescendo di spese a carico delle famiglie, che non si arresta dal 2014 ad oggi. – sottolinea la nota – La raccolta differenziata  cresce e supera il 75%, ma cresce  pure la Tassa rifiuti. Il servizio  rifiuti viene elogiato per la sua efficienza,  ma la tassa rifiuti di anno in anno sale. L’Astea s.p.a. prende premi a livello mondiale ma non riesce a presentare un piano annuale di rifiuti che preveda il calo delle  bollette. La differenza dei costi pro capite  tra Osimo e Castelfidardo è drammatica:  a Osimo costa 30-40 euro di più all’anno».

Per le Liste civiche Osimo «è il caso di cominciare a pensare che non è che sbagliano gli altri, anche qualcosa  debba essere rivisto in casa nostra in termini di servizio rifiuti. Da anni proponiamo che si può tagliare il costo del 17% solo si mettesse mano sul serio a un servizio adeguato, come fanno tanti altri Comuni vicino a noi. Se trasformiamo il servizio in scelte partitiche e non di merito,  aumentiamo solo l’inefficienza. Se invece, come propongono le Liste civiche, si organizza una raccolta puntuale allora  il costo della  Tari scenderà e sarà sempre troppo tardi per le famiglie osimane».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X