facebook rss

Droga per centinaia di chili:
smantellata banda dello spaccio

ANCONA - I carabinieri del Reparto Operativo della Compagnia di Ancona hanno arrestato questa mattina a Torino, un 27enne albanese domiciliato a Senigallia. Il sodalizio era formato da 9 persone. Le indagini erano iniziate nel gennaio dello scorso anno
Print Friendly, PDF & Email

Parte della droga sequestrata

E’ stato arrestato all’alba, a Torino, un 27enne albanese domiciliato a Senigallia, e associato al carcere piemontese.
L’uomo faceva parte di un sodalizio criminale dedito al traffico di sostanze stupefacenti in tutta Italia, ma anche lungo la nostra costa, che gestiva centinaia di chili di droga. A lui, sono arrivati i carabinieri del Reparto Operativo della Compagnia di Ancona, a conclusione di un’attività d’indagine svolta nel periodo da gennaio a settembre dello scorso anno.
Il provvedimento è stato eseguito a seguito di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Ancona, su richiesta della procura dorica.
Al giovane spacciatore sono stati sequestrati, per la successiva confisca: un furgone, uno scooter di grossa cilindrata,

Parte della droga sequestrata

6 conti correnti, 5 immobili a Mondolfo e 4 orologi Rolex. Beni troppo costosi e sproporzionati confrontando i redditi dichiarati e la ricchezza posseduta. Anche questo, è stato un dettaglio importante per i carabinieri, al fine di portare avanti le indagini che hanno inoltre visto indagate, a vario titolo, 9 persone: 5 italiani e 4 albanesi residenti nelle province di Ancona, Pesaro Urbino, Firenze e Pescara.
A tutti è contestata la detenzione e lo spaccio di stupefacenti quali marijuana e hashish.
Nel corso delle indagini, sono stati collegati alcuni episodi quali quello del 20 dicembre 2020 quando, nella zona di Brescia, venne arrestato un 66 enne anconetano trovato con 2,726 chili di marijuana e 1 chilo di cocaina mentre il 14 gennaio 2021, a Jesi, sempre i carabinieri scoprirono una serra all’interno di un capannone industriale dove veniva coltivata marijuana e nella quale vennero sequestrate 1.255 piante di cannabis con tutta l’attrezzatura oltre a cocaina, una pistola Walther calibro 6.35 con 7 cartucce e 117.730 euro.
Invece, lo scorso 14 gennaio, venne trovata in un’area boschiva nei pressi dell’ospedale di Torrette, un involucro contenente 110 grammi di cocaina, circa 1 chilo di marijuana e 500 grammi di hashish, tutto posto sotto sequestro.
La droga era destinata a gran parte delle zone d’Italia, da Pescara fino a Torino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X