facebook rss

L’Avis festeggia la riapertura
della sede e il sindaco dona sangue

VOLONTARIATO - Dopo la ristrutturazione del tetto, riapre il centro trasfusionale di via Matteotti dopo 19 mesi. Lino Bontempo, presidente dell'associazione che vanta quasi un secolo di storia: "Per gli oltre 1100 donatori dell'Avis di Osimo oggi è un grande giorno". Simone Pugnaloni dà l'esempio e si sottoppone a una donazione
sabato 11 febbraio 2017 - Ore 14:11
Print Friendly, PDF & Email

Foto ricordo dell’inaugurazione del ristrutturato centro trasfusionale Avis di Osimo

Grande festa, stamattina, nella sede di via Matteotti dell’Avis Osimo per la riapertura del centro trasfusionale dopo la ristrutturazione del tetto (leggi l’articolo). “Per gli oltre 1100 donatori dell’Avis di Osimo oggi è un grande giorno”. Ha esordito così alla  cerimonia per la riapertura del centro trasfusionale, nel suo intervento Lino Bontempo, il presidente dell’Avis Osimo, associazione che vanta quasi un secolo di storia.

Dopo 19 mesi di chiusura nel quale i nostri donatori, grazie alla disponibilità del centro trasfusionale di Castelfidardo, si sono dovuti recare nella città della fisarmonica per compiere il loro gesto d’amore verso il prossimo, oggi riprendiamo  possesso della nostra casa. Tra i donatori di giornata anche il sindaco di Osimo Simone Pugnaloni.

“Una grande emozione ed una grande soddisfazione per tutta la città” – ha detto il primo cittadino di Osimo  che, al  termine della piccola cerimonia organizzata dal consiglio direttivo che  verrà rinnovato nelle lezioni del 5 marzo, ha effettuato la donazione di sangue. “Devo dare atto che l’Avis ha trovato in tutte le forze politiche osimane, a partire dalla giunta, pieno sostegno e solidarietà per risolvere una questione che non competeva all’amministrazione comunale ma che tutti abbiamo contribuito ad accelerare e, finalmente, oggi possiamo dire, a risolvere”. “Agli osimani e non solo dico, donata sangue perché è un gesto sempliche che non costa nulla ma è molto importante per gli altri e fa sentire meglio anche noi stessi” ha aggiunto.

Il sindaco Simone Pugnaloni ha dato l’esempio. ““E’ il migliore dei modi per inaugurare il restyling del centro trasfusionale Avis di Osimo. Tutti dobbiamo impegnarci per questa attività” ha scritto su fb il primo cittadino di Osimo

Presenti alla cerimonia anche il presidente dell’Avis provinciale Fabrizio Discepoli, la presidente del consiglio comunale Paola Andreoni e l’Assessore alla Sanità Daniele Bernardini e il direttore sanitario dell’ospedale Ss. Benvenuto e Rocco, Maria Rosa Pallotta. Soddisfatto anche Luca Ciniero, il medico responsabile dei centri trasfusionali di Osimo e Castelfidardo. “Questa Avis comunale è un’eccellenza per come viene gestita ed organizzata – ha detto – e, nonostante gli inevitabili disagi, tuttavia in questo anno e mezzo si sono perse poche donazioni”.  In compenso l’Avis nel 2016 ha accolto la richiesta di 163 nuovi iscritti.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X