facebook rss

Vandali alle 13 Cannelle,
le telecamere erano spente
Foresi: “Danneggiate anche quelle”

ANCONA – Non è stato ripreso nulla dal sistema di videosorveglianza. Gli stessi teppisti avrebbero manomesso l'impianto. Il Comune installa nuove apparecchiature
martedì 14 marzo 2017 - Ore 19:23
Print Friendly, PDF & Email

L’installazione delle nuove telecamere in corso Mazzini

 

La fontana imbrattata con la vernice

 

di Emanuele Garofalo

Le telecamere a difesa della Fontana delle 13 Cannelle? Quando servivano erano spente, non hanno ripreso nulla del raid vandalico che ha sfregiato il monumento (leggi l’articolo), ad Ancona. Peggio, forse sono stati gli stessi teppisti a spegnerle, staccando l’energia elettrica. E visto che le vecchie telecamere non funzionavano, il Comune proprio oggi ha iniziato ad installare nuove spycam nell’angolo tra via Zappata e corso Mazzini. La storia della videosorveglianza si rivela una vera beffa. Solo oggi si scopre infatti che l’occhio elettronico non era in funzione quando il monumento è stato preso di mira dai vandali della vernice spray un paio di settimane fa. Il motivo? Semplice: qualcuno si è arrampicato sul monumento, ha spaccato il lucchetto che tiene chiuso il contatore dell’Enel, quindi ha semplicemente abbassato l’interruttore dell’energia elettrica. Ecco fatto, camere spente. A confermarlo è l’assessore alle Manutenzioni Stefano Foresi. “Non possiamo dire con certezza che gli autori del danno al contatore Enel sono gli stessi che hanno sporcato la Fontana, ma anche questo è un gesto di vandalismo gratuito” risponde Foresi.

La fontana rovinata dalla vernice (foto di Antonella Andreoli)

Tutto lascia pensare che i teppisti siano stati gli stessi, e che quindi lo hanno fatto per non essere ripresi dai filmati. E visto che finora le telecamere non sono servite, il Comune ne sta installando delle nuove: altre due spycam che puntano su corso Mazzini fino a Rosa, e una diretta su piazza Roma, con visuale fino al Rettorato. Altre ne sono già state installate in piazza IV Novembre al Passetto, quindi arriveranno anche alle Muse e in piazza Rosselli. Ma quante sono e quante di queste funzionano, chi vede le immagini? Le nuove telecamere si aggiungono a quelle installate tra il 2011 e il 2014 dalla Protezione civile, ad iniziare dalla visita del Papa per il Congresso Eucaristico: ne erano state accese 78 in tutta la città. I video finiscono in una sala al quarto piano di Palazzo del Popolo, ma dopo 24 ore, se non vengono chiesti dalla procura, vengono cancellati per rispetto del diritto alla privacy. E sono tutte funzionanti? “In cinque posti non funzionavano più, per questo abbiamo fatto un intervento di manutenzione completa e rinnovamento del sistema”, conferma l’assessore Foresi. Servivano ? “Queste nuove videocamere sono migliori, hanno più raggio, una nitidezza maggiore delle immagini e i filmati vengono inviati anche al Comando dei vigili urbani”, sottolinea Foresi. Intanto, di tutti questi occhi elettronici puntati sulla Fontana delle 13 Cannelle, non ne funziona uno: le vecchie camere della Protezione civile aspettano l’intervento dell’Enel, quelle nuove devono essere prima testate e avranno bisogno di alcuni giorni di rodaggio.

Le 13 Cannelle rovinate da vernice spray

Vandali in piazza Pertini, sfregiata l’opera di Trubbiani

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X