facebook rss

Vongolari contro la Regione,
protesta con fumogeni
e blocco del traffico

ANCONA - Una cinquantina di pescatori della Cogevo hanno organizzato un picchetto sotto il palazzo del Consiglio regionale, in corso Stamira. Esplosi petardi. I consiglieri non li hanno ricevuti. Era in corso la commissione sviluppo economico
giovedì 23 marzo 2017 - Ore 11:46
Print Friendly, PDF & Email

La protesta dei vongolari

 

 

Fumogeni, cori e l’esplosione di un grosso petardo che ha fatto scattare l’allarme del Consiglio regionale di piazza Cavour. Così i vongolari di Civitanova e San Benedetto hanno dato sfogo alla loro rabbia contro la proposta di legge regionale che punta a prorogare di 5 anni l’attuale distribuzione delle imbarcazioni nelle acque regionali. La contestazione si è accesa questa mattina ad Ancona a partire dalle 11. I pescatori hanno improvvisato un picchetto davanti al palazzo del Consiglio regionale in corso Stamira, fermandosi sulle strisce pedonali, provocando rallentamenti al traffico. Una cinquantina i pescatori della Cogevo Ancona, Civitanova e San Benedetto hanno presidiato durante tutta la mattina e fino alle 14 circa il palazzo della Regione, mentre al terzo piano si riuniva la commissione sviluppo economico, con all’ordine del giorno la proposta di legge della giunta. Vista la forte protesta dei pescatori, i consiglieri regionali si sono rifiutati di incontrare una delegazione dei vongolari. Anche a causa del malore accusato dal consigliere di maggioranza Boris Rapa (leggi l’articolo) e per l’assenza del Pd Giancarli, la votazione è finita in parità: 3 a 3. Voto trasversale, legato più ai territori che alle appartenenze politiche. Contrari alla proposta Zaffiri (Lega Nord), Talè (Pd) e Fabbri (M5s), a favore Traversini e Urbinti (Pd) Celani (Fi). La proposta regionale prevede una mantenimento degli attuali spazi di pesca per le 209 imbarcazioni della flotta marchigiana, con l’impegno nel frattempo di costituire uno comitato scientifico di studio per approfondire la possibilità di modifiche dei territori di pesca delle vongolare. Il prossimo 28 marzo la legge arriverà in Consiglio regionale dunque senza il parere favorevole della commissione, ma il voto dei commissari cambia poco, a questo punto non sembrano esserci spazi per le modifiche alle legge regionale, nonostante la dura protesta dei pescatori riuniti nel Cogevo. I vongolari in particolare lamentano che la divisione dei territori di pesca sia penalizzante per la flotta di Civitanova e San Benedetto, costringendo così un centinaio di imbarcazioni ad affollarsi nelle acque tra Ancona Nord e Ancona Sud, con un conseguente crollo del pescato e dei ricavi.

(E. Ga.)

(Servizio aggiornato alle 18.20)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X