facebook rss

Incidente mortale sull’Asse
Foresi: “La strada è a norma,
manca il rispetto delle regole”

ANCONA – Il consigliere M5S Francesco Prosperi ha interrogato in Consiglio comunale l'assessore al traffico per lo scontro in cui è morto il finanziere Claudio Di Matteo. Prosperi: “Varchi e guardrail sono pericolosi, servono interventi”. L’assessore: “Entro giugno nuove barriere, ma i varchi devono rimanere aperti”
martedì 30 maggio 2017 - Ore 13:58
Print Friendly, PDF & Email

Lo scontro di una settimana fa in cui ha perso la vita Claudio Di Matteo

Sotto accusa è la manovra di inversione del senso di marcia, che la donna 73enne alla guida della Lancia Y avrebbe tentato, travolgendo lo scooter di Claudio Di Matteo. Un impatto fatale per il 42enne finanziere residente a Osimo, padre di due bambini (leggi l’articolo). Ora la donna è indagata per omicidio stradale.

Foresi sul luogo dell’incidente

Ma sotto accusa in Consiglio comunale è finita l’intera manutenzione e pericolosità dell’Asse nord sud, non solo l’apertura di quei varchi che rendono possibile l’inversione di corsia. Appena la sera prima dello schianto, il Comune aveva rimosso il divieto di transito a moto e scooter, nel tratto tra lo svincolo di Tavernelle e via Bocconi, in direzione centro (leggi l’articolo). Il consigliere del M5S Francesco Prosperi ha chiesto spiegazioni su perché non si intervenga per ridurre la pericolosità della bretella, proponendo in particolare barriere salvavita per i motociclisti. “La segnaletica e i guardrail sono a norma in base al Codice della strada” ha replicato Foresi, che invece ha puntato il dito contro le manovre azzardate degli automobilisti. “I varchi devono stare aperti per consentire lo smaltimento controllato del traffico in caso di blocco della viabilità e per consentire il passaggio dei mezzi di soccorso.

La manovra di inversione sull’Asse è vietata. Non si può dire che la segnaletica o la strada non sono a norma, quando quello che manca è il rispetto delle regole” ha aggiunto Foresi, ricordando infine che entro giugno verranno apportati miglioramenti ai guardrail con nuove barriere anti ribaltamento, per evitare che i mezzi incidentati possano finire sulla corsia opposta o addirittura fuori dalla bretella.

Il consigliere M5S Francesco Prosperi

“Ho i miei grossi dubbi sul fatto che i guardrail siano a norma: basta vedere quelli danneggiati dagli incidenti che non vengono sostituiti” ha replicato Prosperi. “Non chiedo comunque di chiudere i varchi, ma solo di mettere una barriere, una catena di plastica bianca e rossa, per scoraggiare l’inversione di corsia” ha concluso il consigliere.

 

(E. Ga.)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X