facebook rss

Osimo, va in scena Tosca Reloaded
e canta anche Andrea Bocelli (Video)

LIRICA - Domani sera l'opera puccianiana riletta dal registra Ivano Berti tra innovazione, tecnologia e tradizione: i solisti canterano sulla base registrata dell'Orchesta sinfonica delle Repubblica Ceca e sul palco ci saranno anche danzatori. Ma la storia d'amore tra Floria Tosca e Mario Cavaradossi sarà sempre romantica
giovedì 1 Giugno 2017 - Ore 20:22
Print Friendly, PDF & Email
Tosca Reloaded, parla il regista Ivano Berti

Una scena di Tosca Reloaded alla Nuova Fenice di Osimo

Un momento della conferenza stampa con il registra Ivano Berti e i due protagonisti dell’opera pucciniana,

Arte e vita, innovazione e tradizione si fondono nella “Tosca Reloaded”, una rivisitazione unica nel suo genere dell’opera di Puccini firmata dal regista Ivano Berti. L’appuntamento è per domani sera, 2 Giugno, al teatro La Nuova Fenice di Osimo. In questo film-opera che racconterà in musica, proiezioni e parole, uno dei melodrammi più celebri di tutti i tempi, un concentrato di emozioni. Il progetto, ideato da Berti è concepito insieme agli studenti dell’Ipsia ‘Maria Laeng’ di Osimo- Corso Moda, che hanno realizzato i costumi di scena (leggi l’articolo).

‘Tosca Reloaded’ è un omaggio al celebre capolavoro pucciniano rivisitato in chiave moderna e divulgativa, ma vuole anche essere un modo nuovo per avvicinare anche i più giovani ad un genere di straordinaria intensità artistica ed emotiva che oggi forse è più apprezzato da un pubblico più attempato. Si tratta di un atto d’amore nei confronti dell’opera lirica, che si dipanerà grazie ad una sperimentazione teatrale unica nel suo genere. L’opera verrà proposta nella sua originale stesura, cantata e recitata in costume d’epoca da interpreti di caratura nazionale e internazionale, ma le scenografie e le musiche verranno presentate tramite il supporto della tecnologia digitale.

“Abbiamo pensato di portare riproporre l’opera pucciniana con una base registrata orchestrale importante, quella dell’Orchestra Sinfonica di Stato della Repubblica Ceca per avere anche accesso a teatri piccoli senza golfo mistico che possano ospitare l’orchestra. – ha spiegato il registra oggi in conferenza stampa – Abbiamo creato un format che dovrebbe essere appannaggio di teatri ma anche di piazze ed arene” Durante lo spettacolo verranno utilizzate opportune proiezioni video, tali da ricreare l’illusione tridimensionale dell’ambiente in cui le vicende si svolgono; il contributo audio sarà generato da basi musicali di registrazioni live, realizzate dalla Czech National Symphony Orchestra diretta dal M° Marcello Rota, su produzione dell’Opera Studio by Viva Opera che da anni crea basi orchestrali di eccellente livello. L’audio sarà diffuso durante la rappresentazione operistica dalla Meyer Sound in modo tale da simulare l’orchestra dal vivo.

Lo spettatore sarà immerso tra le vie della “Città Eterna”, quella Roma ottocentesca e monumentale dove il melodramma si svolge e verrà guidato da una voce narrante, intepretata per l’occasione dal performer Roberto Rossetti. Nelle due giornate di rappresentazioni saliranno sul palco due diversi cast. La prima che è andata in scena stamattina alle 10,45, riservata agli allievi delle scuole superiori, ha visto tra gli interpreti la soprano Lucia Caggiano (Tosca) il tenore Augusto Celsi (Cavaradossi) insieme ad Andrea Tabili (barone Scarpia) Luca Giorgini (sagrestano), Stefano Consolini (Spoletta) e Nazario Gualano Pantaleo (Angelotti). La seconda replica, domani 2 Giugno alle 21, prevede l’ingresso con biglietto a 10 euro, e vedrà Patrizia Orciani nel ruolo della Tosca (direttrice dell’Opera Studio School di Bologna che forgia talenti lirici) e Carlo Barricelli in quello di Cavaradossi (alla sua trecentesima intepretazione nel ruolo) insieme ad Andrea Tabili (barone Scarpia) Luca Giorgini (sagrestano), Stefano Consolini (Spoletta) e Nazario Gualano Pantaleo (Angelotti). In scena saranno presenti anche i ballerini Sergio Nigro (già protagonista ad “Amici” di Maria de Filippi ) e Raffaele Oliva che proporanno interventi coreografici ideati da Adua de Candia e il tessuto aereo di Astrid Marchegiani. “Abbiamo riproposto una Tosca dandgli una chiava di lettura tra innovazione e tradiizon, senza stravolgere niente – ha aggiunto Carlo Barricelli – dando la possibilità al pubblico di vedere cosa succede quando gli attori sono di spalle o quello che accade dietro alle quinte”.

Il teatro La Nuova Fenice di Osimo (foto d’archivio)

Una produzione di altissimo livello, supportata dalle riprese live della Strani Rumori Production con Luca Scota, e da Giacomo Moresi, direttore artistico dell’agenzia Uaoh di Osimo, che si è occupato della progettazione scenografica e delle riprese in studio, coordinando anche la produzione e la comunicazione dell’iniziativa. Ad arricchire la proposta artistica, domani, sarà presente in platea, come ospite d’eccezione, il maestro Andrea Bocelli che, insieme a Veronica Berti, ha sostenuto fin dall’inizio l’idea e la sua realizzazione . “Il progetto, reso possibile anche grazie al sostegno del Comune di Osimo e della Regione Marche è, per i suoi creatori, una sfida già vinta, la possibilità di avvicinare l’opera a chiunque, anche ai ragazzi, e sarà anticamera di una possibile tournée teatrale.

Le prevendite dei biglietti (costo 10 euro) presso il Teatro Nuova Fenice di Osimo, da domani alle 17

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X