facebook rss

Rito civile al Palabaldinelli
per l’addio ad Alessandro Candelari

OSIMO - Dalle 15 alle 17 di venerdì 23 giugno la salma sarà esposta nel palas di Villa, seguirà il corteo verso il Cimitero Maggiore. Prima i familiari del 33enne deceduto nel tragico incidente di Agugliano hanno dispensato dalle visite. Domani l'ispezione cadaverica
mercoledì 21 Giugno 2017 - Ore 18:00
Print Friendly, PDF & Email

Il tragico scontro sulla Sp21/1 di Agugliano

Alessandro Candelari

Rito civile, venerdì pomeriggio, al Palabaldinelli di Osimo per salutare Alessandro Candelari, il giovane ingegnere che ha perso la vita ieri mattina nel tragico scontro sulla Sp21/1 di Agugliano (leggi l’articolo). Nella tarda mattinata di domani i familiari saranno chiamati a svolgere il doloroso rito del riconoscimento della salma, composta all’obitorio dell’ospedale regionale di Torrette di Ancona. Poi verrà espletato l’esame delll’ispezione cadaverica e quindi aperta la camera mortuaria in forma privata. I genitori del 33enne Lamberto e Anna Maria, la sorella Nicoletta, la nonna Assunta e la compagna Janet con la piccola Viola, la bambina di 3 anni della coppia, hanno dispensato dalle visite amici e conoscenti.

Alessandro Candelari era ateo ed i suoi affetti, nel rispetto delle sue convinzioni personali, per l’ultimo saluto hanno escluso il rito religioso, chiedendo a tutti di ricordare il proprio caro non con fiori ma con offerte da devolvere all’Avis. Dalle 15 alle 17 di venerdì 23 giugno, pertanto, la salma sarà esposta nel palas di Villa, e in quelle due ore amici, colleghi e chiunque abbia desiderio di rendergli omaggio potrà farlo, anche avvicinandosi al microfono per leggere un messaggio affettuoso o solo per ricordare i momenti migliori di una vita spezzata prematuramente. Nella giornata di venerdì prossimo anche la Apra informatica di Jesi, l’azienda dove Alessandro lavorava, chiuderà in segno di lutto per permettere al personale di partecipare alla cerimonia organizzata in forma laica.

Osimo, il Palabaldinelli di via Striscioni a Villa dove l’onoranza funebre Biondi ha allestito per venerdì il rito civile

Dopo l’addio al Palabaldinelli, si procederà per il Cimitero Maggiore di Osimo, dove la bara sarà inumata. Stamattina la Polizia locale dell’Unione dei Comuni di Agugliano, Polverigi ha consegnato alla Procura del Tribunale di Ancona tutto il fascicolo con gli atti  che ricostruiscono la dinamica dell’incidente stradale, da completare domani con il referto dell’ispezione cadaverica. Il tassello finale del mosaico perché il pm Marco Pucilli possa decidere di notificare l’avviso di garanzia con l’accusa di omicidio colposo all’autista dell’autocarro Iveco. C.G., 29 anni di Caserta, secondo la Pm dell’Unione dei Comuni, avrebbe causato lo scontro per una mancata precedenza decretando la morte sul colpo del 33enne. Al momento non sarebbero state contestate le aggravanti previste nella casistica della nuova legge sull’omicidio stradale perchè la fattispecie le escluderebbe.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X