facebook rss

La Lega Nord protesta
contro la chiusura dell’Utic

SENIGALLIA - Domani, martedì 11 luglio alle 20.30 davanti all’ospedale (zona laboratorio analisi) la manifestazione organizzata dal segretario regionale Paolini e dai consiglieri regionali Zaffiri e Malaigia contro lo smantellamento del'unità di terapia intensiva di Cardiologia
lunedì 10 Luglio 2017 - Ore 16:01
Print Friendly, PDF & Email

L’ospedale di Senigallia (foto Giusy Marinelli)

Chiusura l’Utic di Cardiologia al Mazzoni: la Lega Nord Senigallia dice no al continuo smantellamento dell’ospedale e organizza per domani, martedì 11 luglio alle 20.30 davanti all’ospedale (zona laboratorio analisi) una manifestazione “per far sentire la voce di tutti i cittadini indignati contro questa politica scellerata di Ceriscioli, Volpini, Bevilacqua e Mangialardi, ai quali rivolgiamo il nostro invito – si legge in una nota del Carroccio- a presentarsi martedì alla manifestazione per spiegare ai cittadini le sorti del nostro ospedale. Ospedale che, ricordiamolo, una volta era una vera eccellenza, oggi ridotto a un grande poliambulatorio con reparti ridotti e mal funzionanti”.

Per la Lega, la sanità è una questione importante che “riguarda tutti noi, al di là dell’appartenenza politica, perciò fate sentire la vostra voce cittadini di Senigallia e scendete in campo con noi martedì sera. Vogliamo risposte dal sindaco, in primis, il quale ha dichiarato che non vi saranno sostanziali modifiche riguardo a cardiologia.Vogliamo sapere – prosegue il comunicato stampa – perché il sindaco indice una commissione per il 24 di luglio, quando nella delibera 361 si legge che l’Utic di cardiologia è stata tolta e con essa 6 posti letto e nella stessa delibera la parola Otorino è sparita. Che fine faranno i reparti di Otorinolaringoiatria, Oculistica e Gastroenterologia carente di personale e per cui mal funzionanti? Perché ancora si prendono gli appuntamenti per l’otorino quando il servizio di fatto non c’e’ più?” si domandano i leghisti che ricordano come d’estate il bacino d’utenza della città raddoppia per la presenza di turisti e bagnanti.

“Un abitante di Arcevia o Castelleone di Suasa, dove deve andare se ha problemi urgenti di cuore? – insiste la nota della Lega Nord- Ci arriva a Torrette? Ve le fate queste domande voi che governate? Che razza di politiche scellerate state mettendo in campo per quanto riguarda la sanità? A favore di chi o che cosa? E il dottor Fabrizio Volpini, consigliere regionale, senigalliese, assessore alla Sanità per dieci anni a Senigallia e ora presidente della Commissione Sanità in Regione Marche, perché non dice nulla e non fa nulla per difendere l’ospedale della sua e della nostra città? Perché non ha fatto nulla e non si è mai battuto per l’ospedale quando era assessore?” Alla manifestazione, domani sera parteciperanno il segretario nazionale Lega Nord Marche Luca Rodolfo Paolini, i consiglieri regionali Lega Nord Sandro Zaffiri e Marzia Malaigia.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X