facebook rss

Ospedale con la “porta rotta”,
chiuso l’ingresso
della Riabilitazione-fisioterapia

OSIMO - Da giovedì scorso gli utenti con problemi di deambulazione diretti alla palestra con entrata in via Matteotti, costretti a passare dall'ingresso principale del presidio ospedaliero e ad affrontare un percorso più lungo, anche con scale
venerdì 14 Luglio 2017 - Ore 22:25
Print Friendly, PDF & Email

Ospedale di Osimo, l’ingresso per il servizio di riabilitazione e fisioterapia, con i cartelli che avvisano della porta rotta

Gli utenti continuano a postare sui social foto di condizionatori che non funzionano, di cartelli informativi con fodere di cellophane e annessi insetti morti dentro, per evidenziare che l’ospedale di Osimo avrebbe bisogno di interventi di manutenzione ordinaria prima ancora che straordinaria. E non a torto. Da giovedì mattina è comparso anche un cartello che invita l’utenza della servizio di assistenza riabilitativa e cure fisioterapiche ad entrare dall’ingresso principale del Ss. Benvenuto e Rocco perché la porta d’accesso di via Matteotti, quella dotata di sollevatore per i pazienti con problemi di deambulazione, “è rotta”.

Un vero problema per chi deve raggiungere la palestra con le stampelle salendo e scendendo le scale che separano quelle stanze dall’entrata principale di via Leopardi. Non basta. Nella notte tra mercoledì e giovedì scorso, è scattato il black out nel presidio ospedaliero che ha fatto partire il gruppo elettrogeno per un guasto al pannello del sistema elettrico, al primo piano dello stabilimento sanitario. Giovedì mattina sempre per problemi collegati all’impianto elettrico è rimasta chiusa la Radiologia e la centrale del 118 è stata costretta a dirottare altrove i pazienti con traumi che sarebbero arrivati al pronto soccorso del Ss. Benvenuto e Rocco. Pare che, come è già successo in passato con i cavi di alimentazione delle strumentazioni della Radiologia, anche stavolta siano stati i topi a rosicchiarli lasciando senza elettricità l’ospedale.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X